menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La commissaria per l'emergenza Covid Maria Grazia Furnari

La commissaria per l'emergenza Covid Maria Grazia Furnari

Dopo la Paglia la Furnari, il sindaco diffida il commissario Covid: "Se non trasmette i dati denuncia alla magistratura"

La funzionaria regionale ha declinato l'invito al tavolo tecnico convocato ieri al Comune. Il primo cittadino e l'assessore Musolino attendono elenchi e numeri sull'emergenza in corso

Anche con il commissario per l'emergenza coronavirus a Messina Maria Grazia Furnari l'amministrazione De Luca ha rapporti non in equilibrio. Il sindaco De Luca e l'assessore con delega all'emergenza coronavirus Dafne Musolino hanno diffidato ufficialmente l'ufficio chiedendo l'immediata trasmissione dei dati sull'andamento epidemiologico e l'aggiornamento. La Furnari ha infatti declinato l'invito a prendere parte al tavolo tecnico che era stato convocato ieri al Comune sostenendo che: "Le attività indicate all'ordine del giorno riguardano competenze di organizzazione sanitaria istituzionalmente in capo all'assessorato regionale alla Salute". Gli argomenti erano il servizio di raccolta rifiuti categoria A con formazione e trasmissione dell'elenco utenze, il tracciamento dei contatti stretti dei contagiati covid e la comunicazione della trasmissione dati dei posti letto. De Luca scrive nella missiva: "Dunque nonostante Messina sia la città con il piùalto indice di contagio in Sicilia (e nel mentre la Sicilia è la seconda regione d’Italia per indice di contagio attestato al 22 gennaio 2021 a 1,27), Codesta Ufficio Commissariale non è in grado di comprendere e spiegare dove si siano sviluppati i contagi, quale sia stata la causa degli stessi, quali siano stati i focolai, né può spiegarci le ragioni di un parossistico aumento dei contagi al quale abbiamo assistito nel periodo tra fine novembre fino alla data attuale. Tali spiegazioni, che rientrano certamente nelle funzioni del Commissario ad acta, non possono essere fornite per una semplice ragione: l’Azienda, e chi per essa vi era delegato, non ha mai eseguito il tracciamento dei contatti stretti dei soggetti contagiati, non ha individuato i cluster del contagio e non ha saputo elaborare un modello di calcolo di evoluzione dello stesso". De Luca e la Musolino hanno annunciato che se entro domani i dati non saranno trasmessi denuncerà il caso all'autorità giudiziaria. Oggi alle 17 nuovo confronto a Palazzo Zanca con invito per la commissaria delegata all'emergenza coronavirus. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento