menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Erosione costiera a Caronia, al via i lavori sul litorale di contrada Marina

Affidata alla Angelico Costruzioni la realizzazione di una barriera lunga un centinaio di metri composta da una palancola in acciaio e da massi ciclopici

Nel 2019 era stata la violenta mareggiata di fine anno ad aggredire e divorare gran parte della strada di accesso alle abitazioni che si trovano lungo il litorale di contrada Marina, a Caronia. Un tratto già fortemente colpito da fenomeni di erosione e, proprio per questo, inserito nel piano di recupero programmato dal governo Musumeci attraverso il “Contratto di Costa” che sta poco a poco entrando nella sua fase operativa. La situazione di oggettivo pericolo ha però spinto l'Ufficio contro il dissesto idrogeologico, guidato dallo stesso presidente della Regione Siciliana, ad anticipare un intervento di difesa dai flutti, responsabili anche di avere danneggiato la rete dei sottoservizi.

E così la Struttura commissariale diretta da Maurizio Croce, accelerando i tempi, ha provveduto ad assegnare - mediante una procedura aperta, regolata dal criterio del minor prezzo - la realizzazione di una barriera lunga un centinaio di metri composta da una palancola in acciaio e da massi ciclopici. Costituirà, in pratica, un diaframma tra il mare e l'abitato che vi si affaccia. Ad eseguire l'opera sarà la Angelico Costruzioni, impresa di Ispica.

Ciò che a partire dal 2015 il mare ha risparmiato è oramai una esigua striscia di terra e, oltre che per le abitazioni private, il pericolo provocato dalle raffiche del vento di maestrale incombe anche su alcuni esercizi commerciali e, più in generale, sul transito veicolare e pedonale. Le struttura frangiflutti - che dovrebbe essere pronta in meno di tre mesi - servirà, dunque, a contrastare da subito le onde più impetuose in attesa che si avvii la ricostituzione della porzione di costa che oggi non c'è più.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento