Dissesto idrogeologico, progetto da 104 milioni per mettere in sicurezza il torrente San Filippo

Pubblicata la gara per affidare indagini tecniche e progettazione esecutiva dell'intervento di pulizia, risagomatura e modellamento dell'alveo

C’è un progetto da 104 milioni di euro elaborato nel 2016 dalla Protezione civile per mettere in sicurezza quattro corsi d'acqua che attraversano la città di Messina, che oggi - grazie all'Ufficio contro il dissesto idrogeologico - comincia a diventare realtà. La Struttura commissariale, che fa capo al presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci e che opera sotto la direzione di Maurizio Croce, ha infatti pubblicato la gara per affidare indagini tecniche e progettazione esecutiva dell'intervento di pulizia, risagomatura e modellamento dell'alveo del torrente San Filippo.

Si tratta di un lungo tracciato che nel Piano di assetto idrogeologico presenta scenari di rischio che vanno da R4 a P3, e che attraversa alcuni popolosi villaggi - San Filippo Superiore e Inferiore, Santa Lucia, Contessa, Unrra - per poi sfociare sul litorale jonico. In passato, a causa di persistenti precipitazioni, è esondato provocando pesanti disagi e rischi per la cittadinanza: colpa di un ammasso enorme di detriti che si sono depositati nel tempo sul suo letto e che, nei periodi in cui è asciutto, ne danno un'immagine di forte degrado.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A ciò, naturalmente si aggiunge, il potenziale pericolo di straripamenti incontrollabili nel caso di alluvioni particolarmente intense. Starà, dunque, ai tecnici che si aggiudicheranno la gara, alla quale sarà possibile partecipare entro il prossimo 4 agosto, individuare le soluzioni più idonee per mettere definitivamente il torrente in sicurezza. Il tratto sul quale si dovrà intervenire, il più disastrato, è lungo oltre quattro chilometri e necessita della rimozione del materiale solido che contiene, della realizzazione di briglie che ne regolino le pendenze, di nuovi muri d'argine. Il fondamentale lavoro che sarà eseguito sull’alveo, servirà inoltre a eliminare varchi, ostruzioni e strozzature permettere al riparo anche l'imbocco autostradale di Messina - San Filippo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Far west sui Colli Sanrizzo, insulti e schiaffi tra due famiglie nell'area attrezzata di Musolino

  • Cade da cavallo e sbatte la testa, 18enne in gravissime condizioni

  • Rissa tra ragazzine a Villa Dante, due ferite: quattro pattuglie dei vigili per calmare gli animi

  • Brigata Aosta nello sconforto per la morte di Filippo Fontana, indagini a tutto campo a Capo d'Orlando

  • Ucciso a Los Angeles il regista Serraino, “Un amore spropositato per Messina che non gli ha mai tributato nulla”

  • La nuova Maserati Corse parla messinese, nel team di progettazione due ex studenti UniMe

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento