rotate-mobile
Lunedì, 26 Settembre 2022
Cronaca Capo d'Orlando

Scena muta davanti al gip per l'insegnante accusato di pedopornografia, legali valutano Riesame

L'uomo si è avvalso della facoltà di non rispondere. Si trova ai domiciliari dallo scorso 8 settembre con l'accusa di aver chiesto foto hot ad una ragazzina. La difesa vicina a chiedere istanza al tribunale della Libertà

Potrebbe finire davanti ai giudici del tribunale della Libertà il caso dell'insegnante arrestato con l'accusa di pedopornografia. I legali dell'uomo, gli avvocati Alessandro Pruiti Ciarello e Vincenzo Amato, decideranno nelle prossime ore se presentare istanza per il riesame. Ieri intanto, il docente si è avvalso della facoltà di non rispondere durante l'interrogatorio di garanzia. L'uomo si trova ai domiciliari dallo scorso 8 settembre su ordine della Procura di Messina dopo un'intensa attività di indagine condotta dalla Questura di Capo d'Orlando. 

Secondo gli inquirenti, l'uomo avrebbe, inviato migliaia di messaggi Whatsapp a una ragazzina che frequenta l'istituto scolastico di Capo d'Orlando dove egli stesso presta servizio, con lo scopo di ottenere foto ritraenti particolari intimi. Ma secondo la difesa non avrebbe ricevuto alcun tipo di materiale, elemento tutt'altro che marginale su cui il prosieguo delle indagini fornirà ulteriori ragguagli anche grazie alle perizie condotte sul cellullare dell'indagato, già sottoposto a sequestro. A far scattare le indagini, i genitori della presunta vittima che hanno contattato le forze dell'ordine dopo aver letto le chat.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scena muta davanti al gip per l'insegnante accusato di pedopornografia, legali valutano Riesame

MessinaToday è in caricamento