Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca Gazzi / Viale Gazzi

Docente in gravi condizioni al Policlinico, le era stato somministrato Astrazeneca: scatta la segnalazione all'Aifa

Febbre e cefalea dopo aver fatto il vaccino. Il mal di testa diventato sempre più persistente per una donna di 54 anni ora trasferita in Rianimazione per tromboembolia. Gli accertamenti effettuati nel reparto di cardiologia

Il Policlinico universitario di Messina

E' gravissima e sta per essere trasferita in Rianimazione al Policlinico universitario dopo un intervento di neurochirurgia per ematoma.

Una docente di 54 anni sta lottando tra la vita e la morte. Una decina di giorni fa le era stato somministrato il vaccino Astrazeneca tanto che i medici hanno ritenuto opportuno segnalare il caso all’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco che nei giorni scorsi aveva sospeso la somministrazione per poi autorizzarla dopo le opportune verifiche che hanno escluso un'incidenza del vaccino con alcuni decessi sospetti segnalati in varie parti d’Italia.

Insegnante in gravi condizioni, parla l'avvocato: “Prima del vaccino non aveva patologie”

La donna aveva avuto qualche decimo di febbre dopo la somministrazione – è il racconto di un familiare – e cefalea, considerato un normale effetto collaterale.

La febbre è andata via dopo pochi giorni mentre il mal di testa persistente è proseguito fin quando è stata accompagnata dai familiari per sottoporsi a esami clinici più importanti perché le sue condizioni fisiche stavano peggiorando.

Al Policlinico universitario la donna è arrivata con una tromboembolia ed è stata visitata e seguita nelle ultime 24 ore dai sanitari della Cardiologia, gli stessi che hanno segnalato all’Aifa. Per l'ematoma l'insegnante è stata sottoposta ad un delicato intervento chirurgico. La prognosi resta però riservata e le sue condizioni sono gravissime.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Docente in gravi condizioni al Policlinico, le era stato somministrato Astrazeneca: scatta la segnalazione all'Aifa

MessinaToday è in caricamento