Incidente o aggressione? Donna trovata sanguinante sul lungomare di Santa Teresa di Riva

E' stata trovata riversa a terra da un passante che ha chiamato i soccorsi. Affidata alle cure dell'ospedale di Taormina

Ha fatto tutto il tragitto in ambulanza con gli occhi pieni di lacrime e imprecando contro i suoi “vent'anni di sofferenze”. Poco prima era andata in escandescenze contro le forze dell'ordine che volevano aiutarla e non ha permesso ai medici del 118 neanche di toccarla.

E' accaduto ieri sera a Santa Teresa di Riva, intorno alle 20. La donna, in uno stato di visibile alterazione legato all'alcool, è stata trovata sanguinante con una ferita al naso e sospetta frattura. A dare l’allarme, un passante che l’ha vista esamine, riversa a terra. Sul posto è subito arrivata una ambulanza ma la donna, di origine russa e residente a Roccalumera, non ha voluto neanche essere visitata. Presente anche un agente della polizia municipale fuori servizio. Prima ha detto che era caduta, poi che era stata aggredita, infine quando sono arrivati i carabinieri ha negato di nuovo assicurando che si era trattato di un incidente.

Quando l’ambulanza l’ha portata in ospedale a Taormina, era già più tranquilla ma si sfogava sulle sue disavventure, senza però aggiungere altro sulla possibile aggressione che sarà oggetto di indagine da parte dei carabinieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I Pooh e il concerto non previsto in cartellone, Torre Faro "svegliata" a notte fonda per l'evento musicale dell'anno

  • Dall'aggressione fisica all'auto bruciata: la storia di Alessandro Gonciaruk, vittima di intimidazione a Zafferia

  • L'indagine sulla Banca di Credito Peloritana, raffica di perquisizioni nelle aziende

  • "Scambio" di morti in obitorio, famiglia seppellisce la salma sbagliata

  • Non ci sono bombole, malata di Covid rischia la vita: il medico del 118 denuncia tutto ai carabinieri

  • Su Viviana e Gioele indagini per altri due mesi, Daniele Mondello: "Orribile non poter ancora dar loro sepoltura"

Torna su
MessinaToday è in caricamento