Marito e moglie insospettabili e incensurati finiscono in manette: in casa nascondevano armi, droga e soldi

A Bisconte i carabinieri hanno approfondito i controlli nati in strada dopo aver fermato l'auto dell'uomo. Nell'abitazione ritrovata una pistola e 7.500 euro probabile provento di spaccio

Il sequestro di droga, armi e soldi dei carabinieri

Marito e moglie insospettabili e incensurati finiscono in manette. I carabinieri del Nucleo Operativo e delle Stazioni della Compagnia di Messina Centro hanno arrestato in flagranza di reato due coniugi messinesi: l'uomo di 31 anni per detenzione illecita di arma comune da sparo e ricettazione in concorso con la coniuge, 30enne, per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio. L’uomo, fermato a bordo della propria autovettura durante il controllo alla circolazione stradale si è mostrato particolarmente nervoso e preoccupato tanto da indurre i militari ad approfondire i controlli a casa al rione Bisconte. Arrivati nell'abitazione l'uomo ha tentato di avvertire la moglie, presente in casa, dell’arrivo dei militari suonando il citofono e gridando “Carabinieri!” e la donna, colto perfettamente l’allarme, lanciava dal balcone un involucro che – prontamente recuperato – è risultato contenere circa 6 grammi di marijuana e un bilancino di precisione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In casa, tuttavia, non c’era solo droga: la perquisizione domiciliare, infatti, ha permesso di rinvenire, custodita, all’interno di un cassetto della credenza della cucina, una pistola marca FN, calibro 7,65 con un caricatore con inserite sei cartucce ed ulteriori 6 proiettili dello stesso calibro. Gli accertamenti svolti sulla pistola hanno permesso di verificare che l’arma era provento di un
furto in abitazione commesso lo scorso marzo a Faro Superiore. Sono stati rinvenuti e sequestrati oltre 7 mila e 500 euro in contanti, presumibile provento dell’attività di spaccio. Le attività di perquisizione sono state estese anche in un ulteriore locale in uso all’uomo, adibito ad autolavaggio dove sono stati rinvenuti ulteriori 10 grammi di stupefacente del tipo marjuana. Per la coppia di coniugi è quindi scattata la denuncia in stato di arresto per detenzione illegale di arma e possesso di stupefacenti e, su disposizione della Procura di Messina il marito
è stato condotto nella camera di sicurezza della caserma mentre la moglie sottoposta ai domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Getta i rifiuti fuori orario e prende a pugni un vigile urbano: denunciato comandante degli aliscafi

  • Positivo al coronavirus ma va in palestra, indagini in corso della polizia municipale

  • Grave incidente in autostrada vicino lo svincolo di Messina centro, due feriti al Policlinico

  • Operazione antidroga nelle acque dello Stretto, fermati due uomini pronti a trasportare 7 chili di marijuana in Sicilia

  • Covid, scatta il coprifuoco anche a Messina: l'ordinanza del sindaco in dettaglio

  • Mascherine: come scegliere quella giusta e dove acquistarle scontate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento