Cronaca

Gestioni rifiuti, Lombardo su Schifani commissario straordinario: "Mancanza di visione strategica e di azioni concrete"

Il deputato di Sud chiama Nord Giuseppe Lombardo commenta la notizia precisando che la corretta procedura non può prescindere dalla promozione della raccolta differenziata

“La imminente nomina di Schifani quale Commissario straordinario per la gestione dei rifiuti in Sicilia, con il compito di implementare la costruzione di termovalorizzatori, rappresenta una chiara ammissione di fallimento della gestione Musumeci, che l’ha preceduto, e del governo Schifani che è la continuità di Musumeci stesso", lo afferma il deputato di Sud chiama Nord Giuseppe Lombardo commentando la notizia della possibile nomina di Schifani quale commissario.

“L'incapacità di gestire in modo efficace il ciclo dei rifiuti da parte del Governo dimostra una mancanza di visione strategica e di azioni concrete. È vero, afferma Lombardo, che il ciclo dei rifiuti si deve chiudere dentro gli ambiti regionali ma è pur vero che prima di inviare i rifiuti indifferenziati in un impianto di termovalorizzazione deve esserci alla base la raccolta differenziata. Non si può lasciare ancora 1/5 della popolazione della regione, a tanto ammonta la popolazione di Catania e Palermo, con un livello di raccolta differenziata lontanissimo dalle percentuali imposte dalla normativa vigente. Fino a quando una città come Palermo con oltre 600 mila abitanti resterà ferma al 15% di raccolta differenziata ogni programmazione per la realizzazione di termovalorizzatori risulterà inutile. La corretta gestione dei rifiuti non può prescindere dalla promozione della raccolta differenziata", spiega ancora. 

"La Sicilia, con il suo preoccupante 51% di raccolta differenziata, distante dall'obiettivo del 65% stabilito nel 2012, come evidenziato nell'ultimo report sull'ISPRA del 2023 sui rifiuti urbani, dovrebbe richiedere azioni drastiche piuttosto che assegnare poteri speciali a chi è, in parte, responsabile di questa situazione di emergenza. Nei giorni scorsi avevamo acceso i riflettori sulla situazione di Palermo e Catania chiedendo l’audizione parlamentare in IV Commissione per affrontare questa problematica di estrema urgenza dell’ Assessore regionale dell'Energia e dei Servizi di Pubblica Utilità, Roberto Di Mauro; del sindaco di  Catania, Enrico Trantino; del  Presidente della Società per la Regolamentazione del Servizio di Gestione Rifiuti (S.R.R.) "Catania Area Metropolitana", Francesco Laudani, del  Sindaco di Palermo, Roberto Lagalla, e del Presidente della S.R.R. "Palermo", Natale Tubiolo", aggiunge. 

"Ringrazio a tal proposito il presidente della commissione Carta per aver accolto la nostra richiesta e aver convocato l’audizione per domani mercoledì 24 gennaio. A questo punto auspichiamo che le parti interessate si presentino per dare risposte concrete e dirci una volta per tutte come intendono affrontare e superare questa emergenza che oggi rappresenta un danno d’immagine per l’intera Sicilia", conclude. 

Si allega tabelle rapporto Ispra 2023 e testo emendamento in discussione commissione ambiente parlamento nazionale.

tabella ispra

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gestioni rifiuti, Lombardo su Schifani commissario straordinario: "Mancanza di visione strategica e di azioni concrete"
MessinaToday è in caricamento