Cronaca Annunziata / contrada Scoppo

Esattori stagionali Cas, dopo il sit-in verbale con l'assessore Falcone

I sindacati Orsa e Cisal lanciano frecciate alle altre organizzazioni per l'assenza in piazza e commentano l'esito dell'accordo

Esattori ex stagionali del Consorzio autostrade. Siglato l'accordo con l'assessore regionale Marco Falcone. Per i sindacalisti di Orsa e Cisal Mariano Massaro e Clara Crocè "Il merito è solo dei lavoratori aderenti ai sindacati autonomi Orsa e Cisal che non hanno mai smesso di crederci". Questa mattina una trentina di ex stagionali, oggi disoccupati, hanno manifestato alla sede del Cas in Contrada Scoppo, per rivendicare il diritto all’occupazione dopo trent’anni di precariato che nell’ultima fase si è anche trasformato in lavoro somministrato
attraverso agenzia interinale.

"I rappresentanti dei lavoratori  sono stati ricevuti dall’assessore regionale al ramo Marco Falcone, alla presenza della direzione e del consiglio di amministrazione del Consorzio. Sulla carta si è raggiunto un buon accordo, continuano Massaro e Crocè, ora bisogna mantenere accesi i riflettori affinché gli impegni sottoscritti si trasformino in fatti concreti una volta per tutte. Il Cas ha ammesso la carenza di personale nel settore dell’esazione, da un primo conteggio orientativo il fabbisogno di personale dichiarato dal Consorzio è di circa 110 unità, le parti sono giunte alla conclusione che in presenza di certificata carenza d’organico, le assunzioni a tempo determinato non avrebbero senso, pertanto si dovrà procedere con le assunzioni definitive a tempo indeterminato. Restano da stabilire i tempi necessari per bandire la selezione pubblica, tempi strettamente legati alla trasformazione del Cas in Ente economico, nuova natura giuridica recentemente approvata dall’Assemblea Regionale. L’appuntamento per definire tempi e modalità delle assunzioni è stato fissato per il prossimo lunedì 15
marzo, dopo la consultazione dei legali del Cas e dei tecnici del sindacato. "I lavoratori di Orsa e Cisal non abbassano la guardia e restano mobilitati per evitare ulteriori sorprese e futuri inganni, concludono Massaro e Crocè, la costanza e la predisposizione alla lotta di questi lavoratori sia da emblema per tutta la classe lavoratrice siciliana. Auspichiamo che la prossima volta i precari del CAS aderenti ad altre sigle si uniscano in piazza ai nostri associati che ci mettono la faccia e rischiano in prima persona; se arriva il risultato della stabilizzazione arriva per tutti, salire sul carro del vincitore a partita conclusa non sarebbe dignitoso...". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esattori stagionali Cas, dopo il sit-in verbale con l'assessore Falcone

MessinaToday è in caricamento