Cronaca

Viabilità, si avvicina l'esodo estivo e Messina rischia il caos

Ad agosto dalla città transiteranno migliaia di veicoli diretti nei luoghi di vacanza. La Uil chiede interventi per evitare disagi. Porti e autostrade osservati speciali

Prevenire è meglio che curare. E così la Uiltrasporti anticipa i tempi e chiede interventi di limitare i disagi alla viabilità a cui Messina va incontro ogni anno durante l'esodo estivo. Ad agosto, infatti, è previsto il transito in città di migliaia di veicoli e la situazione rischia di diventare infernale visti anche i problemi del viadotto Ritiro dell'autostrada A20.

Non a caso il segretario generale Michele Barresi e la newentry Nino Di Mento, responsabile porti e logistica, sottolineano la necessità di approvare un piano di viabilità che possa decongestionare le arterie interessate dal flusso di vetture da e per gli imbarchi con la Calabria. Al centro delle richieste c'è un piano urgente che regolamenti l’uso del porto storico, l’approdo di Tremestieri e della Rada San Francesco per decongestionare il centro città.

"Vista l’imminente criticità che come ogni anno vedrà la città invasa da migliaia di autovetture -precisano Barresi e Di Mento- sollecitiamo la Prefettura e l’amministrazione comunale ad accelerare su un piano di viabilità che veda incrementare le corse dei vettori privati e pubblici anche con il ripristino del servizio Bluferries nel porto storico almeno per i mesi di agosto e settembre .  Un piano di viabilità che prenda in considerazione anche le gravi criticità ancora irrisolte legate agli intensi flussi dei pendolari che quotidianamente intasano la A20 da Villafranca a Messina e viceversa - concludono i due sindalisti - e che se non opportunamente governati assieme all’esodo turistico rischiano di far implodere la viabilità del centro città e della tangenziale di Messina". 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viabilità, si avvicina l'esodo estivo e Messina rischia il caos

MessinaToday è in caricamento