Un presidio fisso per i tamponi in città: l'ex gasometro diventa drive-in stabile

L'accordo fra Asp, Comune di Messina e Protezione civile è stato raggiunto ieri pomeriggio. Si comincia con gli screening sulle scuole e si manterrà la struttura fino alla fine dell'emergenza

La struttura allestita dalla Protezione Civile all'ex gasometro

Un centro unico dell'Asp aperto alla cittadinanza per eseguire i tamponi su prenotazione. Dovrebbe essere ufficializzato entro i prossimi due giorni la conversione del drive-in all'ex gasometro in punto stabile disponibile fino alla fine dell'emergenza sanitaria. La decisione è stata discussa ieri pomeriggio in videoconferenza fra la commissaria ad acta dell'Asp Marzia Furnari, il dipartimento della Protezione Civile, il comune di Messina e gli assessori Dafne Musolino e Massimiliano Minutoli.

A fare da cabina di regia è l'Asp che, garantendo la presenza dei 300 medici in turnazione nella postazione aperta h24, collaborerà con il comune che si farà carico, invece, delle prenotazionoi per i test e della viabilità che potrebbe subire delle modifiche per garantire lo svolgimento dei tamponi senza intasare l'arteria di viale della Libertà, attualmente unica via di ingresso all'ex gasometro, raggiungibile anche da chi arriva in città tramite traghetto.

Intanto già mercoledì 30 dicembre sarà la scuola media "Verona Trento" a eseguire i primi test all'interno del capannone allestito dalla Protezione civile, che ha già assicurato di mantenere la struttura fino a quando necessario. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ricetta della nonna per i pitoni fritti con la scalora

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: tutta la Sicilia sarà "zona rossa", 380 casi a Messina e 3 decessi

  • Zona rossa: Musumeci ha firmato l'ordinanza, dall'11 al 31 gennaio lockdown in città

  • Messina zona rossa, dietrofront del sindaco: “Revoco l'ordinanza, nessuna collaborazione sui rifiuti speciali”

  • Messina zona rossa, da venerdì ulteriori restrizioni per negozi e servizi

  • "L'ordinanza non sarà modificata", la Musolino risponde anche su barbieri e mercati che rischiano sanzioni

Torna su
MessinaToday è in caricamento