Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Bilanci falsi al Comune di Messina, si va verso la prescrizione

E’ iniziato in Corte d’appello, il processo che in primo grado ha portato alla condanna dell’allora sindaco Giuseppe Buzzanca e altre 27 persone

E’ iniziato oggi  in Corte d’appello presieduta da Francesco Tripodi, il processo scaturito dall’inchiesta “Operazione bilanci” che in primo grado ha portato alla condanna dell’allora sindaco Giuseppe Buzzanca e della giunta da lui presieduta nonché del ragioniere generale Coglitore, dei funzionari e degli allora revisori dei conti.

Ventotto condanne in tutto, ma con pene sospese, e 6 prescrizioni totali per altrettanti ex amministratori, funzionari e dirigenti del Comune di Messina. Un processo che si avvia alla prescrizione dal momento che sono trascorsi ormai undici anni da quando è stato commesso il reato: vale a dire l’approvazione del bilancio comunale per gli anni 2009, 2010 e 2011.

Secondo l’accusa infatti le poste inserite nel bilancio non sarebbero veritiere. Il presidente Tripodi ha calendarizzato gli interventi dei difensori che saranno eseguiti ad ottobre.

L’ex sindaco Giuseppe Buzzanca, dalla prima sezione penale del Tribunale di Messina, è stato condannato a un anno cinque mesi. Tra gli altri condannati il segretario comunale Santi Alligo (1 anno e 1 mese) e gli ex componenti di due Giunte Buzzanca con pene comprese tra un anno tre mesi e un anno e cinque mesi. Sono accusati, a vario titolo, di falso ideologico e abuso d’ufficio. Per tutti è stata disposta la pena sospesa. Lo scorso settembre il pubblico ministero Antonio Carchietti aveva chiesto 22 condanne e 12 tra assoluzioni e prescrizioni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bilanci falsi al Comune di Messina, si va verso la prescrizione

MessinaToday è in caricamento