rotate-mobile
Cronaca

Farmacisti precari Covid-19: "Lavoratori dimenticati da tutti, la politica trovi una soluzione per la loro stabilizzazione"

La denuncia della Ugl Salute Sicilia. "Si dovrebbe prevedere l'inserimento degli stessi nei posti che rimangono annualmente liberi nell'ambito dei corsi banditi, oppure la costituzione di un corso ad hoc"

Stanno procedendo sia a livello nazionale, che regionale, le attività rivolte alla stabilizzazione del personale precario Covid-19 in relazione ai vari profili professionali che sono stati impiegati in questi anni di emergenza pandemica nelle Aziende sanitarie provinciali e nelle Aziende ospedaliere.

Tra queste figure mancano però i farmacisti, che in Sicilia ad esempio stanno continuando a lavorare ancora oggi in proroga per le Asp e per gli ospedali, colmando i pesanti vuoi che queste strutture hanno da diverso tempo in organico, risultando indispensabili e ormai ampiamente rodati all'interno della macchina del sistema sanitario regionale. A denunciare, ancora una volta, la situazione singolare in cui si trovano questi professionisti della sanità, rispetto agli altri colleghi parimenti assunti nel periodo emergenziale, è la Ugl Salute Sicilia con il segretario Carmelo Urzì e l'aggiunto Raffaele Lanteri.

"Quasi otto mesi fa avevamo evidenziato questo caso particolare, lanciando un appello pubblico alla politica tutta per trovare una via d'uscita tale da consentire agli oltre 25 farmacisti precari di poter accedere alle procedure di assorbimento. Allo stato attuale non c'è alcun riscontro, mentre il resto dei lavoratori impiegati durante il Covid-19 sono stati già stabilizzati o troveranno a breve un contratto definitivo, così come anche il nostro sindacato ha sempre chiesto a gran voce. Il problema dei farmacisti è legato alla qualifica professionale, considerato che per l'assunzione è obbligatorio il possesso del requisito per l'accesso alla dirigenza. Elemento che, purtroppo, queste unità non possiedono essendo state immesse nel sistema con rapidità, ma che potrebbero ottenere attraverso una semplice modifica della legge. Si dovrebbe prevedere infatti - aggiungono Urzì e Lanteri - l'inserimento degli stessi nei posti che rimangono annualmente liberi nell'ambito dei corsi banditi, oppure la costituzione di un corso ad hoc che non andrebbe a comportare costi per la finanza pubblica tenuto conto che sarebbero proprio questi professionisti a finanziarlo con la relativa retta. Diversamente si potrebbe optare per l'istituzione, riprendendo magari la vecchia formula, della figura professionale del collaboratore, che consentirebbe a tanti giovani laureati nelle discipline mediche e sanitarie di lavorare nel sistema senza la qualifica dirigenziale, nelle more di poter ottenere la specializzazione. Come si può notare, quindi, non ci vogliono chissà quali manovre per assicurare una dignità lavorativa anche ai farmacisti precari, ma soltanto una forte volontà politica per una veloce modifica della norma come già anche gli stessi, guidati dalla coordinatrice per la Ugl Salute regionale Maria Longo, hanno proposto ai parlamentari nazionali e regionali. Vogliamo che questi lavoratori, che si sono spesi e si stanno continuando ad impegnare instancabilmente per la sanità siciliana, non siano dimenticati da nessuno e possano invece trovare la considerazione che meritano e su questo - concludono i due esponenti della federazione Ugl Salute Sicilia - siamo disponibili a dialogare con chiunque prenderà a cuore questa vertenza."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Farmacisti precari Covid-19: "Lavoratori dimenticati da tutti, la politica trovi una soluzione per la loro stabilizzazione"

MessinaToday è in caricamento