Lunedì, 22 Luglio 2024
Cronaca

Niente ferie alla polizia municipale, insorge il sindacato: "Lavoratori discriminati"

La Cisl Fp chiede la revoca immediata del provvedimento del neo comandante Maurizio Cannavò

E' scontro dopo la disposizione del comandante della Polizia municipale Maurizio Cannavò di revocare le ferie per fronteggiare le carenze in un periodo clou per il traffico cittadino, in vista delle varie manifestazioni natalizie.

La decisione per evitare di mandare il traffico in tilt duramente contestata dai sindacati.

“Una disposizione fortemente sperequativa ed infondata” è così che la Cisl Fp in una nota inviata al sindaco e al comandante della polizia municipale bolla la disposizione di servizio con la quale vengono sospese ferie e riposi per il personale di polizia municipale da oggi sino al 7 di gennaio.

“Si tratta – spiegano Giovanna Bicchieri, segretario generale della Cisl Fp, Santi Prestipino,  responsabile del Dipartimento Polizia Municipale Cisl Fp, e  Alfredo Mobilia, segretario aziendale Cisl Fp – di un provvedimento ingiustificato in quanto le esigenze di servizio cui si fa riferimento, risultano essere state ampiamente contemplate nel documento di pianificazione delle ferie, varato ai sensi dell’articolo 38 commi 10 e 14 del contratto comparto funzioni locali, che stabiliscono “che l’Ente pianifica le Ferie dei dipendenti al fine di garantire la fruizione delle stesse nei termini previsti dalle disposizioni contrattuali vigenti”, e ancora “che in caso di indifferibili esigenze di servizio che non abbiano reso possibile il godimento delle ferie nel corso dell’anno di maturazione, le ferie dovranno essere fruite entro il primo semestre dell’anno successivo”. Il provvedimento inoltre – aggiungono Bicchieri, Prestipino e Mobilia - comporta un’evidente discriminazione tra i lavoratori che hanno goduto del meritato ristoro psicofisico del congedo ordinario, rispetto a coloro che adesso non potranno beneficiarne a loro volta. L’ulteriore proroga del godimento delle ferie fino al 31/12/2024, dopo quella attuata per le ferie 2022 posticipate sino al 31.12.2023, in totale difformità contrattuale e di legge, infatti, fa bene immaginare che il personale di Polizia Municipale coinvolto nel provvedimento abbia cumulato un numero elevato di ferie non godute, con possibili gravi ricadute psicofisiche da stress lavoro correlato. Se l’Amministrazione avesse reputato necessario limitare le assenze del personale superando le percentuali previste dal contratto, avrebbe dovuto farlo correttamente per tempo, mediante una nuova programmazione del Piano Ferie, precedente all’inizio del periodo Natalizio e di fine anno, consentendone una equa ripartizione. Invece nulla di tutto questo. Ecco perché  - concludono Bicchieri, Prestipino e Mobilia – abbiamo invitato l’amministrazione comunale a revocare con effetto immediato il provvedimento di sospensione del Congedo Ordinario,  e semmai a rivederne la programmazione, assicurando il godimento di tale inalienabile diritto nelle more di definire la criticità di natura organizzativa e gestionale, che purtroppo annualmente si ripresenta con grave compromissione del benessere lavorativo di tutti gli attori coinvolti e degli stessi cittadini”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Niente ferie alla polizia municipale, insorge il sindacato: "Lavoratori discriminati"
MessinaToday è in caricamento