rotate-mobile
Giovedì, 18 Agosto 2022
Cronaca

Ferie sospese all'Irccs Neurolesi, sindacati sul piede di guerra

Uil Fpl e Nursind contro l'azienda che avrebbe fermato il riposo a causa dell'aumento dei contagi Covid tra il personale

Ferie sospese a tutto il personale che lavora all'Irccs-Neurolesi. Lo annunciano i sindacati Uil-Fpl e Nursind che di fatto hanno diffidato l'azienda sanitaria a mantenere attivo il provvedimento, servendosi delle graduatorie per reclutare il personale. “La scrivente organizzazione sindacale - si legge nella nota della Uil -, attraverso le segnalazioni di numerosi lavoratori, è venuta a conoscenza che il direttore sanitario, in data odierna ha sospeso temporaneamente le ferie al personale medico, infermieristico, Oss, ausiliario ed autista d’ambulanze, al fine di garantire sufficienti livelli di assistenza, stante l’esponenziale aumento di contagi da Covid tra il personale dipendente.

Firmatari della nota sono Livio Andronico (segretario generale), Corrado Lamanna (coordinatore provinciale area medica), Maurizio Celona e Nino Nunnari, rispettivamente segretario aziendale di Piemonte ed Irccs-Neurolesi.

Uil Fpl ritiene che "tale decisione, sia alquanto inopportuna ed altamente provocatoria per i lavoratori, stante che, da tempo all’interno di codesto Ircss imperversa uno stato di caos organizzativo e certamente non può essere il personale, ad oggi fortemente stressato, a pagarne le spese. Inoltre, come già denunziato con precedente nota, non si riesce a comprendere perché il personale vaccinato, negativo al tampone, sol perché ha un familiare positivo, in violazione della normativa vigente, deve stare a casa per numerosi giorni, creando danni all’organizzazione del lavoro nei vari reparti. Si fa altresì presente, che codesta amministrazione, nonostante varie segnalazioni, non è mai intervenuta, per evitare la commistione di personale che, avviene negli spogliatoi, tra personale Covid e non Covid. Da sottolineare anche che nei medesimi luoghi, gli operatori, sono a rischio contagio perché grondano di sudore, per la temperatura elevata, in quanto i condizionatori disinstallati , non sono mai stati sostituiti. Pertanto, per quanto sopra, ritenendo che al personale di codesto Irccs, non può essere chiesto questo ulteriore sacrificio, si diffida codesta amministrazione a revocare con effetto immediato tale disposizione e nel contempo si chiede l’assunzione di tutto il personale necessario, per garantire in sicurezza la continuità assistenziale”.

Sulla stessa linea il Nursind con il segretario Ivan Alonge. “La sospensione delle ferie a tutto il personale dell’Ircss del Bonino Pulejo di Messina è inaccettabile“. Lo scrive in una nota il sindacato Nursind che chiede all’azienda di ritirare immediatamente la nota e di reclutare personale dalle graduatorie disponibili.  Il sindacato, per voce del segretario territoriale Ivan Alonge e della segreteria aziendale Fabio Mangano e Marco Munaò, spiega che “non è possibile impartire la sospensione delle ferie umanamente e contrattualmente. Il personale ha lavorato duro in questi anni e aspetta da tempo il meritato riposo. Soprattutto adesso che l’emergenza pandemica, dal punto di vista normativo, è cessata da qualche mese. Trattare il personale come animali da soma è veramente poco delicato. Supporteremo tutti i dipendenti nella richiesta di risarcimento come previsto dalla normativa vigente per la perdita di viaggi, vacanze e alberghi prenotati e che saranno costretti a disdire, con addebito delle spese legali. Siamo pronti a dichiarare lo stato di agitazione del personale”.

Aggiornamento delle 18:43

La sospensione delle ferie ai dipendenti dell’Ircss Bonino Pulejo è stata revocata. A comunicarlo è il sindacato Nursind che aveva protestato duramente contro una disposizione ritenuta inaccettabile. Il direttore amministrativo nel disporre la revoca della precedente nota, ha precisato che le ferie saranno concesse al personale di assistenza previa valutazione e autorizzazione da parte dei coordinatori infermieristici e dei dirigenti responsabili e referenti dei reparti. “Siamo soddisfatti della decisione presa dall'azienda – dice Ivan Alonge, segretario territoriale Nursind Messina – ci aspettiamo sin da subito una convocazione per discutere dell'argomento e cercare eventuali soluzioni alternative”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferie sospese all'Irccs Neurolesi, sindacati sul piede di guerra

MessinaToday è in caricamento