Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca Duomo / Via Giuseppe Garibaldi

Centro sotto assedio per la festa di Alberto, svenimenti e liti anche per i parcheggi

Il cuore della città è ancora sotto assedio, con scene di panico e delirio. Tra botte per i posteggi e gente che non riesce a raggiungere casa. Sanitari e ambulanza hanno dovuto soccorrere quattro ragazze

Quella che doveva essere la grande festa per Alberto Urso, si è trasformata in una bomba ad orologeria. Il cuore della città è ancora sotto assedio, con scene di panico e delirio. Tra botte per i posteggi e gente che non riesce a raggiungere casa. Proprio mentre scriviamo sembra che sanitari e ambulanza abbiamo avuto  bisogno  del defibrillatore per una ragazza che si è sentita male proprio davanti Palazzo Zanca. 

Urla, canti e lacrime: fan in delirio per Alberto Urso | Video

E' evidente che qualcosa non ha funzionato nell'organizzazione, quantomeno è evidente che non ci si aspettava questo afflusso massiccio. Migliaia e mgliaia di ragazzi - anche da altre parti della Sicilia e della Calabria - che già da stamattina si sono assiepati davanti Palazzo Zanca per aspettare il giovane tenore che ha vinto il talent Amici di Maria De Filippi. Un ragazzo dal talento straordinario che ha conquistato il cuore della città, che oggi avrebbe voluto stringersi orgogliosa intorno a lui per il firmacopie organizzato in un primo momento al Centro commerciale di Tremestieri.

Avevano capito gli organizzatori che non sarebbe stato possibile accontentarli tutti. Ecco, dunque, la decisione di spostare l'appuntamento con Alberto nella piazza Unione Europea, di fronte al municipio dove si è appena svolta la conferenza stampa di presentazione del tour che vedrà impegnato il tenore in tutta Italia. Anche la conferenza però è stata disturbata dalla ressa esterna e dalle misure di sicurezza instabili. 

Nel frattempo sono diventate quattro le ragazze che hanno dovuto fare ricorso ai sanitari. Ma la conta dei danni è destinata a crescere, con file interminabili, code in attesa di mamme ragazze e perfino bambini ormai stremati.

Ma sull'uso del defibrillatore arriva la smentita

31 maggio 2019. In riferimento all’articolo pubblicato ieri sul giornale online MessinaToday.it relativo alla visita a Palazzo Zanca del cantante Alberto Urso, l’assessore allo Spettacolo Giuseppe Scattareggia e il referente delle associazioni di volontariato di protezione civile del Comune di Messina Pietro Delia precisano: “Il servizio sanitario di ieri pomeriggio, è stato svolto con due ambulanze Misericordia e Pegaso e con l’ausilio di tre medici e di numerosi volontari esperti in primo soccorso. Si sono registrati soltanto quattro interventi dovuti alle alte temperature che hanno causato colpi di calore a soggetti stati medicati in ambulanza. Pertanto non si è reso necessario l’intervento del defibrillatore come specificato nell’articolo. Si ritiene quindi che quanto scritto non risponda alla realtà dei fatti e pertanto si voglia strumentalizzare un evento che ha solo portato in alto il nome della Città”.

ndr. Il cronista in piazza Duomo, per seguire l'evento, ha sentito con certezza gli addetti al servizio di ambulanza dire “aziona il defibrillatore” mentre portavano una ragazza. Se poi non c'è stato bisogno di utilizzarlo, tanto meglio.  In ogni caso, non si capisce per quale motivo l'eventuale uso di questa apparecchiatura costituisca motivo di ritenere che ci sia stata strumentalizzazione sull'evento in se. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centro sotto assedio per la festa di Alberto, svenimenti e liti anche per i parcheggi

MessinaToday è in caricamento