rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Cronaca

Messina vuole diventare ancora più green, finanziato con 29 milioni il progetto "ForestaME"

Aggiunti altri quattro milioni ai fondi garantiti dal Pon per le opere di forestazione urbana già previste dall'ex amministrazione comunale

Sono in tutto 29 milioni i fondi utilizzabili da Messina per il suo piano di forestazione urbana, quattro in più della prima cifra stanziata con il finanziamento Pon ottenuto dall'ex amministrazione comunale. Nei prossimi mesi la città cambierà volto in alcune delle sue zone già designate con il progetto ForestaME portato avanti in prima persona da Carlotta Previti, durante il suo mandato da vicesindaco terminato lo scorso febbraio con le dimissioni della giunta De Luca.

“Nei prossimi mesi - spiega in una nota Previti -  la città verrà trasformata e attraverso un’ampia opera di forestazione urbana, sarà resa più vivibile, a misura di giovani e anziani, con un’ aria migliore perché mitigata e protetta dai fumi dello smog. Il grigiore dei palazzi sarà ‘coperto’ dal verde, che ridipingerà lo skyline della città e Messina diventerà la più green d’Italia per presenza di patrimonio arboreo e floreale”. A dirlo Carlotta Previti, ex vicesindaco di Messina che soddisfatta annuncia: “Il progetto Foresta Me infrastrutture verde e blu da città del paesaggio a città del mare, si conferma uno dei progetti sulla Forestazione urbana che hanno ottenuto dall’Agenzia di Coesione il maggiore importo in Italia sui fondi React Eu. Con Determinazione dirigenziale risultando coerente con i criteri di selezione approvati dal Comitato di Sorveglianza del PON e con il Programma stesso, è stato ammesso a finanziamento con l’importo di € 29.383.396,89 superando di oltre 4 milioni di euro la quota iniziale prevista di 25 milioni di euro”.

Grazie all'Agenzia di Coesione che ha avuto sin dall’inizio fiducia, nell’ambito della mia delega, dell’Amministrazione De Luca in quella che rappresenta la più sfidante delle iniziative per la rivoluzione green della nostra città e il lavoro svolto sul tema della transizione ecologica ottiene una ulteriore conferma sulla virtuosa linea tracciata. E’ stata particolarmente apprezzata dalla Commissione Interna di Valutazione dell’Asse 6 – continua la Previti- l’idea di operare sul territorio una rinaturalizzazione articolata sul recupero di tutte le aree e dei sistemi paesaggistici e funzionali che versano in condizione di perdita ecologica, incrementando il patrimonio arboreo e floreale per abbattere i livelli di rischio idrogeologico ripascendo e rinaturalizzando, con interventi di evolutiva ingegneria ambientale, tutte le aree a rischio per fenomeni morfo dinamici, intervenendo sul processo di risanamento e gestione dei corsi fluviali, rappresentando un’idea risolutiva concreta per fronteggiare le perdite ecologiche e consentire il recupero del paesaggio. Finalmente i cittadini di Messina percepiranno il territorio urbano riabilitato nella sua dimensione green grazie ad un’armonica rete di interventi di rinaturalizzazione e riqualificazione di tutte le aree a verde, i giardini, i parchi sia dello spazio urbano che dei borghi mettendo in contatto il Mare con i Monti in una “Città Sostenibile” capace di farsi interprete paradigmatica di un processo avanzato e innovativo di transizione ecologica dell’intero territorio metropolitano L’aumento ulteriore di 4 milioni della dotazione finanziaria consentirà di potenziare anche le infrastrutturazioni dei sistemi innovativi di servizio, quali il sistema dei trasporti e della mobilità alimentato da energie rinnovabili o con sistemi ITC che sostengano la qualità del nuovo verde e del nuovo paesaggio urbano rendendolo più efficace migliorando la funzionalità urbana.

La localizzazione geografica del progetto: - la Linea di Costa che costituirà un diretto contatto, senza soluzione di continuità, con il Mar Ionio e il Mar Tirreno per oltre 50 Km. Un paesaggio lineare di alto valore eco sistemico che presenta in moltissimi tratti notevoli perdite di valore ecologico e paesaggistico; - tutte le Aste Fluviali e le relative ripe che dallo Spartiacque, dei Monti Peloritani giungono al mar Tirreno a nord e al Mar Ionio ad est. Questi paesaggi lineari sono gli unici sistemi che uniscono la dorsale del sistema montuoso alla costa e presentano un notevole valore eco sistemico molto depauperato e da rinaturalizzare. - tutta la costellazione di nuclei extraurbani (piccoli borghi e villaggi), anch’essi in forte perdita di valore ecologico e carenti di infrastrutture verdi che costituiscono una geografia culturale, spesso di antica fondazione che vanta in ogni singolo caso delle peculiarità paesaggistiche, naturali e antropiche specifiche, quasi sempre d’antica fondazione”

“Il “Programma Strategico di Forestazione Urbana” – continua Previti - prevede interventi strategici nel vasto Ambiente Antropico costituito dalla centrale area urbana (la città) e dalle aree ad essa periferiche fortemente urbanizzate. All’interno di questo grande organismo urbano si registrano notevoli perdite degli equilibri ecologici tra verde e città che verranno recuperati attraverso una serie mirata di azioni che riguarda: la riqualificazione di tutte le poche aree verdi esistenti; la realizzazione di nuove aree verdi in attuazione alle previsioni dello strumento urbanistico e dei P.A.; la riabilitazione di tutte le aree naturali in abbandono ed esposte ad degrado; la realizzazione di nuovi spazi verdi là dove vi sono aree “grigie” (parcheggi, piazze, slarghi,etc.); la realizzazione di nuove strade e viali alberati nonché il ripristino e la riqualificazione di quelli esistenti, che mettano in rete tutti il nuovo sistema verde. Tra la zona boscata e l’ambiente antropico si svilupperà una vasta area a vocazione agricola scarsamente sviluppata al cui interno della quale saranno programmati dei sistemi di sviluppo ed insediamento di servizi eco sistemici di alta qualità biologica (produzioni speciali, DOC, DOCG, DOP, ITG, IPG, STG, PAT, etc.) in modo da consentire lo sviluppo di nuovo avanzati ed efficaci regimi e produzioni agricole”.

“Tutto nella prospettiva di realizzare - prosegue Previti - una “Città Verde Sostenibile” capace di farsi interprete paradigmatica di un processo avanzato e innovativo di transizione ecologica dell’intero territorio, migliorando la salute urbana e attivando processi di coesione sociale. Forestazione urbana rappresenta un’idea risolutiva concreta alle perdite ecologiche, alla depermeabilizzazione dei suoli e al recupero del paesaggio”.

“Questo nuovo ecosistema, conclude Previsti - porterà con sé, anche una rivoluzione culturale. Ormai è infatti in atto in ambito internazionale un dibattito sul "superamento del semplice PIL" come unico indicatore di misurazione del benessere, alimentato dalla consapevolezza che i parametri sui quali valutare il progresso di una società non possano essere esclusivamente di carattere economico, ma debbano tenere conto anche delle fondamentali dimensioni sociali e ambientali corredate da misure di diseguaglianza e sostenibilità. Necessario dunque, un incremento del cosiddetto ‘Pil della felicità, parametro già adottato in altri contesti, per misurare la percezione e il vero gradimento da parte dei cittadini delle misure adottateSolo grazie a Federico Basile Sindaco ed alla sua Giunta il Progetto di Forestazione della Città di Messina potrà continuare speditamente grazie alla celerità di chi già conosce tutti i procedimenti amministrativi in corso”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Messina vuole diventare ancora più green, finanziato con 29 milioni il progetto "ForestaME"

MessinaToday è in caricamento