Frana e chiusura della strada comunale San Michele, il Comitato in prefettura: “Rischi per la pubblica incolumità”

Dai mezzi di soccorso costretti a fare percorsi più lunghi per raggiungere i centri collinari alle vie alternative poco praticabili. I disagi degli abitanti di Massa San Giorgio, Castanea e Salice e i danni economici per gli esercenti

Una delegazione del Comitato Portella San Michele dal vice prefetto insieme al parroco Padre Peter delle parrocchie di Castanea e Salice. Oggetto dell'incontro, tutti i problemi che riguardano i disagi causati dalla totale chiusura della strada comunale San Michele – Portella. Il comitato ha messo in evidenza questioni che riguardano anche la pubblica incolumità.

Da oltre due anni, infatti, i residenti dei villaggi di Massa San Giorgio, Castanea e Salice, a causa di una frana, sono costretti a percorrere strade provinciali alternative che si trovano, però, in pessimo stato poiché privi della indispensabile manutenzione.

In particolare, il comitato ha segnalato una serie di criticità: i mezzi di soccorso (ambulanze, vigili del fuoco ecc..) devono effettuare un tragitto molto più lungo per raggiungere i centri collinari; le strade provinciali alternative non garantiscono il sicuro transito dei mezzi, sia a causa delle radici degli alberi che invadono le corsie di marcia, sia per la presenza di alberi di alto fusto completamente secchi ad elevatissimo rischio crollo; attualmente i lavori sulla strada comunale San Michele - Portella (consegnati nel mese di maggio) oltre a procedere con grave ritardo hanno prodotto un accumulo eccessivo di terra ai bordi della strada che ha danneggiatoi muretti di protezione costituendo, in caso di piogge, un potenziale pericolo.

E' stato evidenziato anche il fatto che non risulta, ad oggi, che l’Amministrazione abbia intrapreso le necessarie iniziative per programmare gli interventi di messa in sicurezza di tutto il tratto stradale che presenta gli stessi rischi per la pubblica incolumità delle strade provinciali.

All’incontro erano anche presenti i titolari degli esercizi di ristorazione delle zone collinari che stanno subendo, da tale situazione, un danno economico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Far west sui Colli Sanrizzo, insulti e schiaffi tra due famiglie nell'area attrezzata di Musolino

  • Cade da cavallo e sbatte la testa, 18enne in gravissime condizioni

  • Rientro in classe, la pediatra Caputo: “Con queste regole si rischia il caos”

  • Rissa tra ragazzine a Villa Dante, due ferite: quattro pattuglie dei vigili per calmare gli animi

  • Ucciso a Los Angeles il regista Serraino, “Un amore spropositato per Messina che non gli ha mai tributato nulla”

  • La nuova Maserati Corse parla messinese, nel team di progettazione due ex studenti UniMe

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento