Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca

Rapina e pesta a sangue una donna, fermato a Milano: era scappato dal centro di accoglienza di Messina

E' successo nella notte. I carabinieri hanno rintracciato e fermato il colpevole

Era scappato circa tre mesi fa da un centro di accoglienza di Messina, durante l'isolamento fiduciario previsto dalla normativa anti-covid. Una delle tante fughe all'origine dell'aspra polemica sull'hotspot di Bisconte.

Martedì 1 settembre, l'uomo - un tunisino di 28 anni -  è stato fermato poco dopo avere compiuto una rapina violenta ai danni di una passante intervenuta per sedare una rissa a cui stava partecipando. Verso l'una di notte, a Vigevano in viale Mazzini, si stava azzuffando con altre due persone; una donna moldava di trentasei anni, vedendo la scena, è intervenuta per sedare la colluttazione. Mentre gli altri due scappavano, lui si è scagliato contro la donna, picchiandola selvaggiamente con calci e sberle, per poi rubarle la borsa (che conteneva effetti personali, documenti e denaro) e darsi alla fuga. 

Un altro passante, che aveva assistito alla violenza contro la donna, ha abbandonato la sua auto per tentare un inseguimento a piedi, ma senza successo. Ha quindi chiamato i carabnieri che sono arrivati sul posto e, dopo aver raccolto la descrizione dell'uomo, sono riusciti a rintracciarlo. Si era rifugiato all'interno di un distributore automatico di bevande in via Matteotti. I militari hanno fermato l'uomo e restituito la borsa alla vittima, che si è fatta medicare al pronto soccorso con una prognosi di cinque giorni. Il ventottenne è stato portato nel penitenziario vigevanese.

Fonte: MilanoToday

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina e pesta a sangue una donna, fermato a Milano: era scappato dal centro di accoglienza di Messina

MessinaToday è in caricamento