menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lacrime e commozione ai funerali del sub vittima a Maregrosso

A celebrare le esequie monsignor Giuseppe La Speme. Cattedrale piena in base alle disposizioni anticovid, numerosi amici sono rimasti fuori ad aspettare per dare l'ultimo saluto all'imprenditore molto conosciuto per la sua attività lavorativa e la sua passione per la pesca

Lacrime e commozione ai funerali stamattina di Antonino Mantineo, il 53enne sub vittima  - secondo le indagini - di un malore durante l'immersione avvenuta nelle acque di Maregrosso giovedì scorso.

A celebrare le esequie monsignor Giuseppe La Speme in una Cattedrale già piena in base alle disposizioni anticovid al punto che numerosi amici sono rimasti fuori ad aspettare la fine del funerale per dare l'ultimo saluto all'imprenditore molto conosciuto in città sia per la sua attività lavorativa che per la sua passione per la pesca subacquea. Una passione che coltivava da ragazzino e che si è rivelata fatale. Mantineo, che lascia moglie e due figlie, si era immerso da solo. Quando i familiari hanno visto che non faceva rientro hanno dato l'allarme e sono scattate le ricerche.

In piazza anche gli amici che quella notte maledetta, insieme al fratello della vittima, lo hanno cercato a lungo sulla spiaggia di Maregrosso. 

Tre i sub che hanno perso la vita quest'anno durante una immersione. Oltre Mantineo, anche il 29enne di Scaletta, Alessandro Bivacqua e Giuseppe Sanò, amato Capitan Peloro che ha lasciato un vuoto incolmabile anche per la sue appassionate battaglie civili. 

La raccomandazione che arriva dalla Guardia Costiera è di non immergersi mai da soli. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Divano, come scegliere quello giusto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento