menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Magistrati onorari sfruttati e sottopagati, monta la protesta anche a Messina

Una manifestazione davanti al tribunale, giovedì mattina, per rivendicare i diritti della categoria e in segno di solidarietà alle colleghe palermitane che hanno cominciato lo sciopero della fame

Una manifestazione davanti al tribunale, giovedì mattina, alle 12, per rivendicare i diritti della categoria, sfruttata e sottopagata dallo Stato.

E’ la protesta che scatterà a Messina dei magistrati onorari da decenni impiegati dal ministero della Giustizia, sostenendo l'accusa ed emettendo sentenze in migliaia di processi, ma senza alcuna tutela assistenziale e previdenziale. 

Lavoratori dipendenti che però lo Stato non riconosce, ma sfrutta e sottopaga.

Da Roma, soprattutto dal ministro della Giustizia Alfonso Bonfede, non arriva alcuna notizia nonostante la mobilitazione vada avanti da tempo. A Palermo, in particolare, un altro magistrato onorario ha iniziato lo sciopero della fame, affiancandosi ai giudici Vincenza Gagliardotto e Sabrina Argiolas, che hanno ormai avviato la protesta estrema da una settimana. Anche l'avvocato Giulia Bentley, infatti, ha deciso di digiunare per rivendicare i diritti della categoria. Una scelta, quella di Bentley, particolarmente forte, visto che ha avuto recentemente gravi problemi di salute.

Queste tre donne - che rappresentano decine e decine di colleghi, tutti in servizio da anni nei tribunali del Paese, sia nel ruolo di viceprocuratori che di giudici, e ai quali il ministero della Giustizia non riconosce però lo status di lavoratori dipendenti, con tutti i diritti e l'assistenza (anche previdenziale) connessi - stanno dando una grande prova di forza e di determinazione.

Al loro fianco scenderanno dunque anche i magistrati onorari di Messina, vestiti di nero e con una rosa, ricalcando la famosa protesta del 1912 a Lawrence, "Bread and Roses", per chiedere non solo le tutele salariali, ma anche diritti elementari riconosciuti a qualsiasi lavoratore. A Messina la manifestazione vede il coinvolgimento oltre che dei giudici onorari di tribunale anche dei vice propcuratori onorari e dei giudici di pace.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento