Hotspot Bisconte, i pentastellati: “Soluzioni istituzionali senza colpi di scena cinematografici”

La senatrice D’Angelo e il deputato D’Uva si scagliano contro il comportamento del sindaco: "Noi riteniamo più opportuno lavorare con sobrietà e senza le telecamere puntate addosso"

Grazia D’Angelo e Francesco D’Uva

Sulla  questione relativa al centro migranti Bisconte intervengono i pentastellati messinesi Grazia D’Angelo e Francesco D’Uva che alla linea adottata dal sindaco preferiscono la collaborazione istituzionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Abbiamo avuto modo di confrontarci con il Viminale – affermano la senatrice  D’Angelo e il deputato  D’Uva -che ci ha confermato la volontà di risolvere al più presto la situazione riguardante il centro migranti di Bisconte. Come già fatto in passato, abbiamo sottolineato al ministro Lamorgese la situazione e le criticità di questo hotspot, rilevando la necessità di rispettare le condizioni di sicurezza, salute e di igiene in tutte le strutture destinate all'accoglienza, non solo per i migranti, ma in particolare per i cittadini che abitano in queste zone, legittimamente preoccupati per la loro incolumità”.
 
Gli stessi nei giorni scorsi avevano evidenziato l’esigenza di istituire al più presto un tavolo tecnico da cui far scaturire le opportune soluzioni con il prefetto di Messina, Librizzi, dopo la fuga di 24 migranti, che erano risultati tutti negativi al Covid: “E’ importante sottolineare che si sta lavorando per trovare questa soluzione e tutti i provvedimenti posti in campo dalle autorità diverse dal Ministero dell’Interno, non hanno alcun valore”. 
 
“Spiace constatare, ancora una volta- continuano i due esponenti M5S-l’atteggiamento sempre sopra le righe del sindaco di Messina. Spettacolarizza un tema in questo caso molto complesso, come quello degli hotspot e, in generale, dei migranti. L'impressione è che ogni volta che il primo cittadino si sente in difficoltà sul fronte amministrativo, parta all'attacco di tutto e tutti al solo fine di individuare un 'nemico' da criminalizzare e di spostare l'attenzione da quelli che invece sono i reali problemi, ma soprattutto le reali soluzioni. Così è stato per i famigerati 'untori del Nord' in piena crisi sanitaria e così è oggi su questo tema, che De Luca affronta alla maniera leghista”. 
 
“La differenza di impostazione tra la nostra linea e quella del sindaco De Luca sta nel preferire la collaborazione istituzionale e le soluzioni reali alla propaganda e ai colpi di scena cinematografici. Noi riteniamo più opportuno lavorare con sobrietà e senza le telecamere puntate addosso”, concludono i due esponenti pentastellati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brigata Aosta nello sconforto per la morte del militare, indagini a tutto campo a Capo d'Orlando

  • Cade da cavallo e sbatte la testa, 18enne in gravissime condizioni

  • Rissa tra ragazzine a Villa Dante, due ferite: quattro pattuglie dei vigili per calmare gli animi

  • Ucciso a Los Angeles il regista Serraino, “Un amore spropositato per Messina che non gli ha mai tributato nulla”

  • Tragedia sfiorata in via Jaci, soccorso un uomo che ha tentato il suicidio

  • Coronavirus, salgono ancora i nuovi casi in Sicilia: otto a Messina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento