Mercoledì, 17 Luglio 2024
Cronaca

I lavori infiniti al viadotto Ritiro, ancora ritardi e polemiche: "Il Cas non si giri dall'altra parte"

Il monito della Uil sul cantiere che impiega attualmente diciassette operai: "Così non potrà essere rispettata neanche la nuova data di giugno 2024, occorre chiarezza e risposte concrete"

Si accumulano ancora ritardi nella consegna dei lavori per il viadotto Ritiro. La data di febbraio destinata a slittare ulteriormente scatena le reazioni della Uil. "Come volevasi dimostrare, ancora una volta, le nostre reiterate e dettagliate denunce pubbliche in merito alle concrete prospettive del cantiere del viadotto Ritiro e al cronoprogramma relativo alla conclusione dell’opera si sono dimostrate totalmente fondate ed ineccepibili - dichiarano Ivan Tripodi, segretario generale Uil Messina, e Pasquale De Vardo, segretario generale Feneal Uil Tirrenica - Avevamo, infatti, evidenziato con dovizia di particolari e attirandoci le puerili ingiurie del Cas e della Toto costruzioni che il mese di febbraio 2024 strombazzato come data di chiusura dell’opera era da considerare una macroscopica fake news. I fatti ci hanno dato ampiamente ragione e, purtroppo, oggi, dobbiamo affermare che anche l’annuncio relativo alla previsione dell’ennesima nuova data di chiusura dell’opera prevista per giugno 2024 è, stante l’attuale situazione del cantiere, assolutamente irrealizzabile. Infatti, alla data odierna, gli operai impegnati nelle lavorazioni del cantiere sono soltanto 17 e se, a strettissimo giro, non aumenterà sensibilmente la forza lavoro sarà impossibile concludere i lavori del viadotto Ritiro entro il mese di giugno prossimo".

Secondo i sindacati sarà un'altra estate di passione e caos per i messinesi. "Pertanto, al netto delle chiacchere e anche al fine di evitare l’ennesima estate disastrosa ai cittadini messinesi, è indispensabile che il Cas non si giri dall’altra parte e faccia le dovute pressioni sulla Toto costruzioni per avere chiarezza e risposte concrete. Tutto il resto sono soltanto annunci vuoti e slegati dalla realtà: la conclusione del viadotto Ritiro entro giugno 2024 passa da un impegno straordinario caratterizzato dalla presenza di un numero importante di lavoratori che, certamente, non può essere quello attuale che, appunto, è di 17 operai assunti nel cantiere del viadotto”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I lavori infiniti al viadotto Ritiro, ancora ritardi e polemiche: "Il Cas non si giri dall'altra parte"
MessinaToday è in caricamento