Cronaca

Resta un giallo l'identità del cadavere restituito dal mare

La salma si trova all'obitorio del Policlinico. Nei prossimi giorni la magistratura potrebbe disporre l'autopsia. Il corpo è stato rinvenuto il 14 dicembre nello specchio d'acqua antistante l'arsenale militare

Resta un mistero l'identità del cadavere recuperato lo scorso 14 dicembre nelle acque prospicienti il molo dell'arsenale militare.

Il corpo dell'uomo, in avanzato stato di decomposizione, si trova ancora all'obitorio del Policlinico in attesa di nuove disposizioni della magistratura. Nei prossimi giorni potrebbe essere effettuato l'esame autoptico da parte del medico legale e successivamente l'eventuale riconoscimento.

L'attenzione potrebbe, infatti, concentrarsi sulle denunce di persone scomparse in un area che includerebbe anche le coste calabresi. Non è escluso che le onde possano aver trasportato il corpo a diversi chilometri di distanza dal punto in cui sarebbe caduto in acqua.

Il ritrovamento

Il corpo, in avanzato stato di decomposizione, è stato rinvenuto ale 16.30 del 14 dicembre nello specchio d'acqua antistante il molo dell'arsenale militare. A recuperarlo un gommone del nucleo nautico dei vigili del fuoco su richiesta della capitaneria di porto.

La salma, dopo l'ok della magistratura è stata trasferita all'obitorio del Policlinico. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Resta un giallo l'identità del cadavere restituito dal mare

MessinaToday è in caricamento