Inaugurazione anno accademico, Pupi Avati agli studenti: "Cercate il vostro talento, non basta la passione”

La cerimonia al teatro Vittorio Emanuele. Standing ovation per il maestro che ha toccato alcune tappe salienti della sua vita e ha annunciato: “Pronto un film su Dante”

Pupi Avati inuagura il 472° Anno Accademico dell'Università di Messina oggi pomeriggio al Teatro Vittorio Emanuele. L'attesissimo ospite invitato a presenziare nell’ambito della collaborazione tra l'Università di Messina e Taobuk, il festival internazionale del libro diretto da Antonella Ferrara. Uno dei più grandi del cinema italiano e apprezzato scrittore, anticipato da un video che ha ripercorso brevemente la lunghissima carriera del cineasta con 50 film diretti e 51 sceneggiature, oltre ai numerosi premi e riconoscimenti vinti, tra cui 3 David di Donatello.

Ha esordito nella sua brillante e incisiva prolusione, ricordando uno dei progetti più ambiziosi e attesi: "E' da tanti anni che voglio fare un film su Dante, il più grande talento italiano, il miglior poeta del mondo, di cui molti sanno poco. L'unica voce autorevole che ha raccontato la sua vita è Boccaccio, nato nel 1313 mentre Alighieri è morto nel 1321: prossimo anno ricorrono i 700 anni; se hanno fatto un documentario su Chiara Ferragni - ha ironizzato - possiamo dedicarne uno anche a Dante". Poi ha spiegato agli studenti l'importanza nel cogliere la differenza tra ciò che uno vuole e ama fare e ciò che uno sa fare: "La passione che hai dentro non per forza corrisponde al tuo talento - ha raccontato il regista - è la storia della mia vita, innamorato della musica, speso invece per il cinema. Da giovane ho invidiato il mio amico, concittadino bolognese, Lucio Dalla, che aveva una musicalità pazzesca, misteriosamente pervenutagli dall'alto: ad un certo punto ho smesso di suonare. Per me è un'esperienza emblematica: non bisogna incaponirsi per un mestiere o arte per cui uno non è predisposto. Per me era quasi una maledizione la competizione con questo straordinario cantautore - continua scherzando - ho pensato di persino di ucciderlo!". Standing ovation per il maestro che ha toccato alcune tappe salienti della sua vita narrando divertenti aneddoti: magistrali e significativi esempi di vita vissuta tra cinepresa, letteratura e jazz, soprattutto nella sua amata Emilia Romagna. 

Si parla di

Video popolari

Inaugurazione anno accademico, Pupi Avati agli studenti: "Cercate il vostro talento, non basta la passione”

MessinaToday è in caricamento