La disperazione delle famiglie del palazzo incendiato: "Rischiato la morte, non abbiamo più una casa"

Il racconto di chi risiedeva nella palazzina di via Conte di Torino. Le fiamme hanno distrutto tre appartamenti danneggiandone altri cinque. Scatta la gara di solidarietà per aiutare le famiglie coinvolte

"Siamo vivi per miracolo, ma adesso non abbiamo più una casa". Dopo la paura subentra la disperazione per le famiglie coinvolte nell'incendio che ieri sera ha distrutto una palazzina nel rione Giostra. Le fiamme hanno avuto origine dal tetto in legno dell'appartamento in ristrutturazione di via Conte di Torino. Ma in pochi minuti il rogo ha interessato altre otto case, danneggiandole seriamente. 

Il video girato all'interno dell'appartamento distrutto

"Ieri sera ero in casa con i miei due figli - racconta a Messina Today Carmelina Schepis - quando abbiamo notato le fiamme provenire dall'appartamento accanto. Non ci abbiamo pensato un attimo e siamo immediatamente scappati. Se avessimo aspettato ancora qualche minuto saremmo morti. L'incendio ha completamente distrutto casa mia, non è rimasto più niente".

Intanto, la città si sta mobilitando per aiutare le famiglie coinvolte nell'incendio di via Conte di Torino. Amici e parenti hanno avviato varie raccolte di denaro, vestiti e generi di prima necessità. In prima linea anche le parrocchie di San Domenico e Sant'Elena. Mentre è stata avviata una petizione online per aiutare gli inquilini di un altro appartamento andato completamente distrutto e abitato da una famiglia contro quattro figli piccoli.  Coloro che volessero partecipare alla raccolta possono utilizzare questo link

E' inoltre possibile donare vestti e generi di prima necessità per le cinque famiglie in difficoltà depositando il materiale di fronte al supermercato Despar di via Palermo, all'incrocio con la circonvallazione. In particolare servono con urgenza: vestiti e scarpe per bimbi dai 3 ai 12 anni e per neonato di 3-6 mesi, vestiti per donna (taglia M/L e scarpe numero 37), vestiti per ragazza (taglia S/M e scarpe numero 37), vestiti per uomo (taglia S e scarpe numero 39/40).

Oltre a materiale didattico (zaini, quaderni, penna) per bimbi di scuola elementare e media. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donne contro le donne, esplode il caso delle vignette "scandalose" di Lelio Bonaccorso

  • Covid, è morto il sindacalista Santino Paladino

  • Stroncato da un malore mentre consegna la frutta a un cliente, muore il titolare di una azienda

  • Coronavirus, due i casi a Messina con la sindrome di Kawasaki

  • Messa della vigilia di Natale alle 20, cenoni e tombolate con parenti "ristretti": prime anticipazioni sul Dpcm delle feste

  • Stop al coprifuoco per i negozi e riapertura delle scuole, passa in consiglio la mozione contro l'ordinanza di De Luca

Torna su
MessinaToday è in caricamento