rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Cronaca Statale 114 / Mili marina

Il commerciante lo denuncia e lui si vendica bruciando la recinzione del vivaio

In manette un 23enne colto in flagrante dai carabinieri. Il giovane era stato indagato per furti e danneggiamento nello stesso negozio che voleva dare alle fiamme

Ha tentato di bruciare la recinzione di un vivaio di Mili Marina, ma è stato colto in flagrante dai carabinieri. Si tratta di un 23enne di Messina, già noto alle forze dell'ordine, che adesso dovrà rispondere di danneggiamento seguito da incendio. Il giovane è stato sorpreso lungo la statale 114 dai militari di Scaletta Zanclea in procinto di prendere servizio. 

Le indagini della compagnia di Messina Sud hanno permesso di ricostruire in tempi rapidi, anche tramite le dichiarazioni di alcuni testimoni, che il gesto era riconducibile ad una azione ritorsiva che l’arrestato voleva compiere nei confronti del titolare del vivaio. Infatti il proprietario del vivaio, tra il mese di settembre ed il mese di ottobre 2021 aveva denunciato il ragazzo ritenendo che avesse compiuto una serie ripetuta di furti e danneggiamenti presso il suo esercizio commerciale.

Il 23enne è comparso davanti al giudice del tribunale di Messina che ha convalidato il suo arresto. Per il ragazzo si sono aperte quindi le porte del carcere di Gazzi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il commerciante lo denuncia e lui si vendica bruciando la recinzione del vivaio

MessinaToday è in caricamento