Mercoledì, 17 Luglio 2024
Incendi

Le forti raffiche continuano ad alimentare gli incendi, chiuso un tratto della Statale 113

Diversi focolai ancora attivi tengono impegnati vigili del fuoco e forestale. Traffico interdetto nei pressi di Capo Calavà con obbligo di utilizzare l'autostrada. A Gioiosa Marea 13 persone restano fuori dalle proprie abitazioni

L'emergenza incendi continua. Nel tardo pomeriggio sono aumentate le raffiche di vento che tengono attivi diversi focolai ormai accesi da quasi 24 ore. Ancora problemi di viabilità con la chiusura della Statale 113 nei pressi di Capo Calavà. Chi deve recarsi in direzione Messina dovrà entrare in autostrada a Brolo, viceversa per chi da Messina dovrà dirigersi verso Palermo dovrà entrare nello svincolo di Patti. La situazione resta seria a Villafranca Tirrena e a Gioiosa Marea dove le 13 persone evacuate non sono ancora potute tornare nelle rispettive abitazioni.

In Prefettura il vertice con i sindaci di Villafranca Tirrena, Gioiosa Marea, San Piero Patti e Saponara, insieme ai rappresentanti di vigili del fuoco, Corpo forestale regionale, protezione civile, 118, forze dell’ordine , capitaneria di Porto di Milazzo, Consorzio Autostrade Siciliane, Anas, Enel e Tim.

Villafranca in ginocchio dopo gli incendi, il sindaco: "Solo un miracolo ha evitato il morto"

Il focus è stato finalizzato a monitorare la situazione attuale degli incendi, alla luce delle iniziative intraprese per fronteggiare i vari fronti di fuoco divampati soprattutto sul versante tirrenico metropolitano con il notevole impiego di operatori che, sin dalla sera di ieri, si sono prodigati per contenere i focolai. Nel corso del pomeriggio, infatti, le costanti interlocuzioni tra i componenti del CCS hanno consentito di intervenire tempestivamente, implementando la presenza di personale che opera a terra in alcuni punti nevralgici, individuati a seguito di  una ricognizione generale, in considerazione delle condizioni meteo avverse dovute al forte vento che hanno cagionato l’impossibilità dalle 17 di poter utilizzare dalle ore 17,00 i mezzi aerei, che già all’alba erano intervenuti sui luoghi.

Drammatica la situazione in provincia

Nel Comune di Villafranca Tirrena, in frazione Serro, alcuni focolai, sempre per l’intensificazione delle raffiche di vento, hanno ripreso a divampare sopra il Parco degli Ulivi in prossimità di Calvaruso, sì da richiedere, in aggiunta alle due squadre dei Vigili del Fuoco presenti sui luoghi, l’ulteriore intervento del Corpo forestale e di volontari della protezione civile.

 Nell’area ex Pirelli si continua, incessantemente, a lavorare per superare le criticità con due squadre dei Vigili del Fuoco. Ad operare nella cittadina, dove si registra anche un incendio contenuto nella zona Castello, sono presenti, altresì, 2 squadre del Corpo forestale e volontari comunali.

A Gioiosa Marea, in prossimità delle contrade Ringata e Galbato, ove operano due squadre dei Vigili del Fuoco, le fiamme hanno attinto svariati ettari di macchia mediterranea, mentre tre squadre sono attive presso Capo Calavà, nelle cui vicinanze, in ragione della gravità degli eventi, si è dovuto procedure all’evacuazione di circa 12/13 persone non ancora rientrate, allo stato, nelle loro abitazioni. Vista la situazione in peggioramento, è stato implementato il personale dei Vigili del Fuoco, della Forestale e l’impiego di appartenenti ad organizzazioni di volontariato.

Nel paese di San Piero Patti, il Corpo Forestale e i volontari stanno contenendo il focolaio riaccesosi in località Sciardi, al fine di impedire il propagarsi vicino ad abitazioni.

Nelle zone tra San Pier Niceto, Condrò e Gualtieri Sicaminò, stanno operando in una zona impervia una squadra dei Vigili del Fuoco e una del Corpo Forestale, ma sono stati preallertati dei volontari per contenere i roghi che hanno già interessato due ettari di macchia mediterranea. In particolare, nelle contrade Serra e Filò di San Pier Niceto, sono state evacuate a scopo precauzionale quattro abitazioni a cura della locale stazione dei Carabinieri.  

A Saponara, i focolai risultano domati grazie agli interventi di due squadre dei Vigili del Fuoco, di volontari e operatori comunali.

Nel Comune di Acquedolci è presente una squadra dei Vigili del Fuco e la situazione, seppur monitorata, risulta in via di risoluzione.

Nel corso della riunione si è appreso, in via estemporanea, di alcune fiamme divampate in corrispondenza del distributore di benzina “Divieto” sull’A20 in località Villafranca. Immediatamente, si sono attivate squadre dei Vigili del Fuoco e del Consorzio Autostrade Siciliane, con immediato contenimento della problematica.

Il Consorzio Autostrade Siciliane sta contribuendo con i propri  presidii antincendio e con squadre di sorveglianza.

L’ANAS ha dato notizia della chiusura della SS113 per l’incendio di Capo Calavà, per cui chi vorrà recarsi in direzione Messina dovrà entrare in autostrada a Brolo, viceversa per chi da Messina dovrà dirigersi verso Palermo dovrà entrare nello svincolo di Patti.

Il Comune di Messina ha dato disponibilità per l’ulteriore fornitura di autobotti mentre la Protezione Civile Regionale ha assicurato l’implementazione di squadre di volontari.

Il Centro Coordinamento Soccorsi resterà attivo sino a cessate esigenze.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le forti raffiche continuano ad alimentare gli incendi, chiuso un tratto della Statale 113
MessinaToday è in caricamento