Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca

Inchiesta Caronte & Tourist, undici arresti e sei indagati: tutti i nomi

Prende le mosse dal riscontro delle dichiarazioni rese dal collaboratore di giustizia Vincenzo Cristiano, l'inchiesta che ha travolto la società di navigazione Caronte&Tourist e il Comune di Villa San Giovanni

Prende le mosse dal riscontro delle dichiarazioni rese dal collaboratore di giustizia Vincenzo Cristiano, l’attività investigativa, coordinata dai sostituti procuratori distrettuali Walter Ignazitto e Gianluca Gelso della procura di Reggio Calabria che ha travolto la società di navigazione Caronte &Tourist e il Comune di Villa San Giovanni.

Con accuse che vanno dalla corruzione alla turbativa d’asta, a falso in atto pubblico, truffa aggravata e peculato e una persona anche concorso esterno in associazione mafiosa nell’ambito di una maxi inchiesta, sono scattati numerosi arresti. 

In particolare, sono stati destinatari di ordinanza di custodia cautelare in carcere: Francesco Sincero Antonio Morabito, di anni 61 (attuale responsabile del Settore Tecnico Urbanistico del Comune di Villa San Giovanni); Giancarlo Trunfio, di anni 65; (dipendente del Comune e facente funzioni di responsabile del Settore Tecnico Urbanistico del Comune di Villa San Giovanni).

Corruzione Caronte&Tourist, se al Comune di chiude un occhio in cambio di assunzioni

Agli arresti domiciliari, invece, sono finiti: Giovanni Siclari, di anni 49 (Sindaco del Comune di Villa San Giovanni); Antonino Repaci, di anni 78 (Presidente del Consiglio di Amministrazione della società di navigazione “Caronte & Tourist S.p.A.”); Calogero Famiani, di anni 54, (Amministratore Delegato della società di navigazione “Caronte & Tourist S.p.A.”); Vincenzo Bertuca, di anni 64 (pensionato, già agente della Polizia Municipale del comune di Villa San Giovanni); Gaetano Bevacqua, di anni 59 (imprenditore nel settore della ristorazione); Giovanni Marco Morabito, di anni 30 (ingegnere);  Alessandro Taverriti, di anni 60 (ingegnere); Tindara Orsina, di anni 51 (architetto); Antonio Artino, di anni 52 (architetto).

I seguenti indagati, tutti dipendenti del comune di Villa San Giovanni, sono stati destinatari di misura cautelare interdittiva della sospensione dall’esercizio di pubblici ufficio servizi per la durata di mesi 12: Francesca Gangemi, di anni 64; Giovanna Tedesco, di anni 45; Mario Pitasi, di anni 63; Vincenzo Cama, di anni 58; Rocco Messina, di anni 66; Alessandro Iacono, di anni 40 (ingegnere), infine, è stato destinatario di misura cautelare interdittiva del divieto temporaneo di esercitare l’attività professionale di ingegnere per la durata di mesi 12.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta Caronte & Tourist, undici arresti e sei indagati: tutti i nomi

MessinaToday è in caricamento