Cronaca

Candidatura di Micari alla Regione, sotto la lente la raccolta firme sui Nebrodi

Quasi una quarantina di persone sentite per le firme apposte sui moduli di sostegno alla candidatura. Gli atti dei finanzieri di Sant'Agata di Militello confluiti nel fascicolo della Procura di Palermo

E’ stata inoltrata alla Procura di Palermo, l’indagine svolta dalla Guardia di Finanza sulla raccolta delle firme in provincia di Messina in occasione della candidatura alla presidenza della Regione siciliana del rettore di Palermo, Fabrizio Micari.

Anche le fiamme gialle della tenenza di Sant’Agata di Militello agli ordini del tenente Alessandro Arpaia, nei mesi passati hanno ascoltato vari testimoni di paesi nebroidei nei quali furono raccolti le firme di sostegno alla candidatura di Fabrizio Micari nelle file del Pd. 

In particolare i controlli hanno interessato la zona di Sant’Agata Militello, dove quasi una quarantina di soggetti sono stati convocati nei vari comandi di polizia giudiziaria per verificare le firme opposte nei moduli di sostegno alla candidatura.

Dalle indiscrezioni emerse, sarebbero emerse irregolarità nei riscontri operati dalla Guardia di Finanza.

Una indagine della procura ha già determinato la condanna di vari esponenti del movimento5Stelle per falsificazioni di firme in corso della passata tornata elettorale regionale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Candidatura di Micari alla Regione, sotto la lente la raccolta firme sui Nebrodi

MessinaToday è in caricamento