rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Cronaca

Muore venti minuti dopo la sedazione necessaria per la gastroscopia, i familiari denunciano tutto alla Squadra mobile

L'accusa sostenuta dall'avvocato Pietro Venuti punta l'indice contro una clinica privata messinese dove risultano sotto inchiesta due medici e sull'arrivo del primo mezzo del 118 senza medico a bordo. Lunedì il conferimento dell'incarico per l'autopsia

L'inchiesta della Squadra mobile della polizia di Stato e della procura è in corso. L'indagine dovrà accertare se ci siano responsabilità nella morte di una 62enne che il 24 agosto scorso è deceduta in una struttura sanitaria privata messinese venti minuti dopo - secondo quanto riferito - dalla sedazione per essere sottoposta a una gastroscopia. Si tratta di un nuovo caso di malasanità?

I familiari affidandosi all'avvocato Pietro Venuti hanno presentato denuncia alla polizia di Stato e domani il pubblico ministero Marco Accolla affiderà l'incarico per l'autopsia, la famiglia della vittima sarà seguita dal consulente di parte Elvira Ventura Spagnolo. Due i sanitari sotto inchiesta: un medico e un anestesista della clinica privata. Da quanto si apprende la struttura avrebbe fatto giungere un mezzo dal 118 durante quelle fasi concitate che arrivato sul posto era privo di medico a bordo ed è stato necessario far intervenire una seconda ambulanza ma la donna - secondo quanto sostenuto dall'accusa - era già morta. Saranno gli investigatori della Squadra mobile a stabilire se siano stati commessi errori determinanti da provocare la morte della signora che nelle settimane precedenti aveva accusava dolori allo stomaco e per questo si era rivolta alla clinica privata per l'esame diagnostico. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muore venti minuti dopo la sedazione necessaria per la gastroscopia, i familiari denunciano tutto alla Squadra mobile

MessinaToday è in caricamento