Cronaca Giardini-Naxos

L'incidente sul lungomare di Giardini, l'inchiesta sul pirata della strada va avanti

Era il 13 agosto quando di notte tre ragazze di Bronte venivano lasciate a terra dal conducente di una Fiat Panda. Una ventenne è ancora ricoverata in Rianimazione al Policlinico. I carabinieri della Compagnia di Taormina stanno raccogliendo tutti gli indizi utili

A più di due settimane dall'incidente stradale l'inchiesta sul ferimento di tre ragazze di Bronte a Giardini Naxos va avanti e presto potrebbe riservare novità importanti. I carabinieri della Compagnia di Taormina stanno ricostruendo tutti gli indizi e le prove utili per risalire al pirata della strada che il 13 agosto sul lungomare Tysandros era fuggito dopo il sinistro. Una delle tre è ancora ricoverata in Rianimazione al Policlinico universitario ( le sue condizioni vengono giudicate stabili, le altre due (minorenni) erano ricorse alle cure mediche non risultando in gravi condizioni. Il cognato della ventenne attraverso Cataniatoday aveva lanciato un appello per aiutare le indagini seguite dai carabinieri. Secondo quanto era stato ricostruito alle 3,30 del 13 agosto il conducente di una Fiat Panda bianca era scappato dopo l'incidente dopo essersi reso conto dell'incidente lasciando a terra le ferite. Da quello che si era appreso in prima battuta le telecamere presenti sul lungomare non erano riuscite a inquadrare perfettamente l'auto incriminata. Le ragazze si trovavano nella località marittima messinese per trascorrere alcuni giorni di vacanza e stavano rientrando presso il loro alloggio che si trova a 200 metri dal luogo dell'incidente.

Incidente sul lungomare di Giardini, caccia al pirata della strada

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'incidente sul lungomare di Giardini, l'inchiesta sul pirata della strada va avanti

MessinaToday è in caricamento