Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca Falcone

Abusi sessuali a una bambina, la piccola conferma tutte le accuse

Incidente probatorio per il 63enne arrestato il 14 maggio a Falcone. Il difensore punta alla seminfermità del presunto orco

Avrebbe confermato gli abusi e le violenze la piccola sentita in modalità protetta dal gip di Patti Eugenio Aliquò che ha emesso la misura cautelare eseguita il 14 maggio scorso dai carabinieri di Falcone a carico di un 63enne, oggi rinchiuso al carcere di Gazzi.

Le carezze, i baci proibiti nelle parti intime sono state raccontate con una precisione considerata più che credibile da parte della bambina sentita alla presenza del pm Alice Parialò con l’ausilio di una psicologa.

In un'altra stanza anche il presunto orco, amico della famiglia della bambina, che avrebbe approfittato dell’ospitalità e dell’accoglienza per mettere le mani addosso alla piccola.

Una mente malata quella che si delinea e sulla quale punta ormai anche il suo difensore Giuseppe Mancuso che ha scoperto, dopo aver assunto la difesa, che l’uomo ha avuto gravi problemi di salute mentale che lo hanno portato anche a trattamenti sanitari obbligatori. A sostenere la famiglia gli avvocati Giuseppe Ciminata e Gaetano Pino, che nel procedimento si costituiranno parte civile.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abusi sessuali a una bambina, la piccola conferma tutte le accuse

MessinaToday è in caricamento