rotate-mobile
Incidenti stradali

“Eri un simbolo di vitalità, continueremo anche per te”, Messina piange per la morte di Olga Cancellieri

Il ricordo degli amici d'infanzia e di oggi e dei colleghi, per l'avvocato vittima ieri di un incidente stradale. Il saluto dell'associazione Addiopizzo che ne ricorda “passione, grinta e voglia di cambiare il mondo”

“Sgomento e rabbia per la perdita improvvisa e violenta della nostra vice presidente”: così l’associazione Addiopizzo ha salutato sui social Olga Cancellieri, l’avvocato morta ieri sera in un incidente stradale vicino la chiesa di Santa Caterina. Si è scontrata in motorino con uno scooter. Le ferite riportate hanno reso vani i soccorsi e le forze dell'ordine stanno lavorando per ricostruire l'esatta dinamica dell'incidente.

Una notizia che non avremmo mai voluto dare e che ha lasciato sgomenti. Sui social si susseguono i messaggi da parte di chi l’ha conosciuta per la sua attività politica, sociale e professionale, per il suo impegno sul campo e fuori.

Incidente moto scooter, il Foro messinese in lutto: è morta l'avvocato Olga Cancellieri

“Olga ha impresso, con la sua passione, grinta e voglia di cambiare il mondo, un rinnovato slancio alle attività legali ed associative di Addiopizzo. Con la sua forza di volontà ed allegria ha trascinato il consiglio direttivo di cui era la vice presidente a riprendere le attività associative dopo il lockdown del 2020 – scrive l’Associazione - Proprio in queste ultime settimane stava lavorando su nuove attività da proporre alla città per contribuire a diffondere la cultura della legalità, della solidarietà e della giustizia sociale. Tutte le socie e i soci, i simpatizzanti ed i legali di Addiopizzo si stringono a Salvo ed ai loro due bambini in questo momento di smarrimento e dolore”.

Sono in tanti ad aver postato un fiore, riempito le bacheche facebook di messaggi di cordoglio, di ricordi commossi. Come quello del consigliere Alessandro Russo: “Sei stata mia compagna di banco, quando alla mia prima esperienza politica in Consiglio della X Circoscrizione fui eletto. Mi prendesti accanto a te e mi aiutasti a crescere nel mondo della politica, con le battaglie quotidiane, con i documenti da scrivere di notte, con i congressi di partito a cui partecipare. Ricordi, Firenze? Sciogliendo i DS, seduti giovanissimi nei banchi dell'assemblea ci commovemmo e andammo a bere del vino sul Lungarno, di fronte Ponte Vecchio. Quel che facemmo dopo ci vide crescere con sempre maggiore consapevolezza delle nostre scelte di vita, vicini ai più deboli e contro ogni sopruso, come dicevi sempre e come da sempre hai saputo improntare la tua vita professionale e politica. Sono troppi, sono tanti, sono così numerosi che ora mi soffocano questi ricordi, Olga cara, amica mia. Se qualcosa di buono ho saputo fare del mio impegno in politica, sappi che c'è così tanto di tuo e del tuo esempio che oggi mi sembra così vigliacco dirtelo solo così, solo adesso. Avrei dovuto dirtelo a quell'aperitivo che rimandavamo da così tanto tempo, che poi era diventato una birra e poi anche solo un bicchiere di vino, come ai vecchi tempi in cui, al decimo quartiere, preparavamo fino a notte fonda documenti da far votare in Consiglio, sempre a limare, correggere, esprimere in forme che non ci soddisfacevano mai. Ma in quelle notti, in quegli anni sono cresciuto tanto, Olga, e tanto ti devo per quello che abbiamo vissuto”.

VIDEO | “Ciao Olga, un sorriso che si spegne in tutta la città”, il ricordo commosso del consigliere Russo

Gli ha dedicato un post anche Francesco Palano Quero: “Ho appena letto una notizia tragica. Olga Cancellieri non c'è più. E io non ci posso credere. E mi viene da pensare alle mille riunioni, alla passione comune per la politica, alle tante battaglie condivise. No, Olga, non è giusto. A tutta la tua famiglia va il mio abbraccio ideale. A te penserò spesso, ricordando quanto fossi caparbia quando volevi raggiungere un obiettivo. Quanto fossi concreta, come le donne quando vogliono sanno essere. Ciao Olga, compagna, amica, donna sensibile e sempre sorridente. Rip.”.

In tanti esprimono vicinanza e affetto al compagno e ai figli. “Apprendiamo del tragico incidente in cui ha perso la vita l'avvocata, l'amica e compagna Olga Cancellieri - scrive Rosario Duca -  La vicinanza di Arcigay Messina alla Famiglia ed a tutt* gli amici di Addio Pizzo. La terra ti sia lieve”.

“Oggi il ricordo è per Olga, strappata ingiustamente e tragicamente alla vita e ai suoi figli”, scrive l’avvocato Carmen Currò nella bacheca facebook dell’avvocato Carmen Currò.

“Messina perde una persona per bene – è il saluto del deputato Antonio De Luca -  Avvocato, madre, impegnata politicamente e socialmente anche in un settore importantissimo quale quello dell'associazionismo antiracket. Oggi è il tempo del silenzio, poi verrà il momento per gridare il dolore che mi ha provocato sapere che sull'ambulanza che è venuta a prestarti il primo soccorso non c'era il medico a bordo. Addio Olga Cancellieri”.

Commosso il saluto di Tonino Cafeo: “Eri, ma che cosa orrenda, assurda, dire "eri" , un simbolo di vitalità. Non siamo stati mai veramente amici ma qualche volta questi social che tutti usiamo un po' vergognandoci per come fanno emergere il peggio di noi, compiono il miracolo di avvicinare le persone. È stato il nostro caso, Olga cara, ci siamo " scoperti" e apprezzati durante questi anni infami di lockdown, disciplina sociale e allontanamenti. Che felice paradosso: mentre gli esseri umani, travolti dalla paura del virus, si chiudevano in sé stessi, noi a distanza scoprivamo insospettate affinità nell'amore per la bellezza, per la giustizia, per la vita, ed è stato merito tutto tuo e della tua voglia di comunicare la gioia enorme dello stare al mondo nonostante il dolore ci metta sotto assedio quotidiano. Poi però ogni cosa può finire così, una sera di novembre, senza un perché.  Ti avrei voluto bene, tanto. Che spreco senza fine. Mancherai.  Un abbraccio fortissimo a Salvo e ai bambini”.

Fra i colleghi che la ricordano, l’avvocato Carmelo Picciotto: “L’ultima volta che abbiamo parlato ci siamo riconosciuti dalla stessa parte. La parte di chi vuole più giustizia, democrazia ed eguaglianza. Come per tutti i discorsi fatti di fretta, ci siamo salutati rinviando ad un’altra volta di approfondire. Purtroppo un’altra volta non ci sarà. Dobbiamo discutere ora quello che ci appassiona e muove le nostre vite perché domani può essere già tardi. Continueremo anche per te”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Eri un simbolo di vitalità, continueremo anche per te”, Messina piange per la morte di Olga Cancellieri

MessinaToday è in caricamento