Cronaca

Botti di fine anno, una donna perde il dito della mano armeggiando un'arma

Una 52enne messinese ricoverata. Altri due feriti in provincia. I controlli per la sicurezza anche ieri sera dove hanno usato i bambini per evitare che rimuovessero le cataste dei falò

Nonostante i divieti e le raccomandazioni degli artifici della Questura, è pesante in tutta Italia il bilancio dei feriti per i botti di fine anno.  A Messina una donna di 52 anni ha perso il dito della mano sinistra armeggiando un’arma. La donna è stata ricoverata in ospedale con una prognosi superiore ai 40 giorni.  Altri due i feriti, a Patti e a Sant’Agata di Militello che hanno dovuto far ricorso alle cure mediche.

Eppure, anche ieri sera, fino alla mezzanotte, i controlli non sono mancati con una interforze costituito dalla Polizia Municipale dalla Polizia di Stato e dai Carabinieri.
Il monitoraggio nelle zone più sensibili invitando i residenti ad astenersi dall’accensione di fuochi e cataste. In alcune zone si è registrata una resistenza che ha sfruttato la presenza di numerosi bambini che sono stati posizionati sopra le cataste per impedirne la rimozione con i bobcat e le ruspe che la MessinaServizi aveva messo a disposizione.
Perciò in alcuni luoghi non è stato possibile procedere alla bonifica delle cataste che sono state date alle fiamme nella notte. Gli epidosi sono stati registrati e nei prossimi giorni si svolgerà un tavolo tecnico con le Forze dell’Ordine per i provvedimenti del caso. Nella sola serata del 31 gennaio sono stati sequestrati oltre 200 kg di materiale esplosivo tutto illegale, che veniva esposto alla vendita sulla strada.

I dati relativi agli incidenti verificatisi nel corso dei festeggiamenti per il Capodanno 2020 in Italia, hanno registrato anche un episodio mortale. Ad Ascoli Piceno un uomo di 27 anni è deceduto a seguito di una caduta in un dirupo nel tentativo di spegnere un principio di incendio nella sterpaglia sottostante provocata dall'accensione di alcuni artifici pirotecnici. Il numero totale dei feriti, spiega una nota della Polizia, evidenzia comunque un lieve decremento complessivamente nella Penisola rispetto al precedente anno. A fronte dei 216 feriti per il 2019 si è registrato un numero di 204 feriti di cui 38 ricoverati. Con particolare riguardo ai ferimenti di minori si registra un lieve incremento del dato complessivo: sono 43 i minorenni che hanno riportato lesioni mentre lo scorso anno erano stati 41. Di particolare rilievo anche un episodio a Catania dove un ventenne ha completamente perso l'uso della mano destra a causa dello scoppio accidentale di un grosso petardo che stava lanciando dal balcone di casa ed è stato ricoverato in ospedale per essere sottoposto ad intervento chirurgico.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Botti di fine anno, una donna perde il dito della mano armeggiando un'arma

MessinaToday è in caricamento