menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lezioni in Dad disturbate dagli hacker, l'inchiesta si allarga dopo centinaia di segnalazioni

Continuano le indagini della polizia. Nel mirino anche gli studenti che fornivano i codici d'accesso. Massima attenzione anche a Messina. "Azioni gravissime in un momento delicato per la scuola"

E' destinata ad allargarsi l'inchiesta della polizia postale sulle incursioni durante le lezioni scolastiche in Dad. Finora sono tre i giovani hacker, uno dei quali messinese, ad essere finiti nei guai dopo le indagini coordinate dalla Procura di Genova. Dopo aver acquisito i codici di accesso, i pirati informatici accedevano alla piattaforma utilizzata da studenti e insegnanti, disturbando l'attività didattica con urla, bestemmie e persino filmati pornografici.

Gli inquirenti al momento lavorano per capire l'estensione del fenomeno praticamente in tutta Italia dopo le numerose segnalazioni ricevute. A volte, le incursioni online sono avvenute grazie alla complicità degli stessi studenti che, tramite chat private, condividevano i link per accedere alle lezioni. Tutto sarebbe iniziato come una bravata: i ragazzini dubitavano perfino della possibilità che la polizia potesse rintracciarli. Ma sono poi scattate le perquisizioni a casa dei responsabili con il sequestro di pc, tablet e smartphone. L’accusa è di interruzione di pubblico servizio e accesso abusivo a un sistema informatico o telematico.

Nelle scorse settimane un caso simile si era già verificato a Messina dove resta alta l'attenzione. Il 22 gennaio un filmato pornografico è stato diffuso durante l'Open Day di una scuola media del centro città. Ma secondo i riscontri delle forze dell'ordine l'episodio non sarebbe correlato con quanto avvenuto durante le lezioni online. 

La polizia intanto tende a sottolineare la gravità del gesto. Gli sforzi sono mirati a sensibilizzare sull'importanza di tutelare le lezioni scolastiche durante la pandemia. "Internet non ha territorialità - spiega Roberto Surlinelli, direttore tecnico della polizia postale di Genova - stiamo procedendo in base alle risultanze dei nostri controlli e delle segnalazioni che arrivano. Dai dispositivi sequestrati abbiamo già individuato diversi gruppi in cui si scambiano i codici di accesso per le video lezioni su Telegram. Sono centinaia le intrusioni e continuano ancora ora. Per questo abbiamo subito proceduto con le denunce per i disturbatori seriali. L’obiettivo è sensibilizzare sulla gravità di queste azioni. Tanti non si rendono del danno causato in un momento così delicato per il mondo della scuola. Il Covid costringe alla Didattica a distanza, non arginare questi fenomeni sul nascere significa aggiungere alle già gravi difficoltà degli studenti episodi ancora più incresciosi. Noi contiamo molto sulla collaborazione dell’Ufficio scolastico regionale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Parità di genere, musica e confronto in diretta streaming

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento