rotate-mobile
Cronaca Giostra

Michele Lanfranchi ucciso da un colpo partito dal basso, l'autopsia rafforza la tesi del tragico incidente

I primi riscontri dopo l'esame sul corpo del 19enne morto a Giostra il 2 giugno. Continuano gli accertamenti della Procura

Una tragica fatalità dietro la morte di Michele Lanfranchi, il 19enne che ha perso la vita nella notte tra il 1 e il 2 giugno in via Michelangelo Rizzo, a Giostra. Ieri sera si è conclusa l'autopsia sulla salma del giovane conservata all'ospedale Papardo. E dall'esame un primo riscontro che rafforza la tesi dell'incidente. Lanfranchi è stato colpito da un unico proiettile con una traiettoria dal basso verso l'alto, scenario compatibile con la ricostruzione fornita da diversi testimoni secondo i quali il colpo sarebbe partito mentre il ragazzo maneggiava la sua calibro 7.65. A raccontare tale dinamica agli inquirenti anche il 40enne Giovanni Laganà, proprietario dell'abitazione e amico della vittima. L'uomo è indagato dalla Procura di Messina che vede titolare dal fasciolo il pm Liliana Todaro.

Ma il quadro completo si avrà solo tra due mesi mentre tra dieci giorni verrà depositata una prima relazione sui risultati dell'esame autoptico. Sono stati eseguiti anche i test tossicologici e tutti gli accertamenti per ricostruire la traiettoria del proiettile e verificare eventuali segni di colluttazione insieme a tracce di materiale biologico sul corpo del 19enne. Nel frattempo la Squadra Mobile continua a indagare per avere chiara contezza su un fatto che ha sconvolto una città intera, da capire il perché dell'eventuale trasferimento in strada del giovane agonizzante e se accanto aveva la pistola. Poi occorrerà far luce su tutto ciò che è avvenuto prima del tragico sparo, chi ha incontrato Michele e come ha passato la serata. 

Giostra si prepara intanto a dare l'ultimo saluto a Michele che, dopo alcuni precedenti con la giustizia, sognava il riscatto attraverso il lavoro. Domani i funerali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Michele Lanfranchi ucciso da un colpo partito dal basso, l'autopsia rafforza la tesi del tragico incidente

MessinaToday è in caricamento