Cronaca

Scomparsa Viviana Parisi, fuga volontaria smentita dal marito: i sommozzatori cercano nei laghetti

L'uomo è stato interrogato a lungo dagli inquirenti. La famiglia insiste sullo stato confusionale successivo all'incidente di due giorni fa. Continuano senza sosta le ricerche

Con il passare delle ore prende sempre più corpo la possibilità che dietro la scomparsa di Viviana Parisi e del figlioletto Gioele ci sia un allontamento volontario. Ci sarebbe questa ipotesi al centro delle indagini. Ieri gli inquirenti hanno interrogato a lungo il marito Daniele Mondello, un atto dovuto per il proseguimento dell'attività investigativa.

Il video delle ricerche

Ma l'uomo avrebbe escluso categoricamente che la 43enne abbia pianificato la fuga, continuando ad insistere, così come la cognata,  sull'eventuale stato confusionale successivo all'incidente in cui la donna è rimasta coinvolta due giorni fa sul viadotto Pizzo Turda dell'autostrada Messina-Palermo. La sua Opel Corsa ha infatti urtato un furgone, Viviana Parisi ha poi abbandonato l'auto dirigendosi verso una piazzola di sosta e scavalcando una recinzione, con in braccio il figlio. Una scena vista da alcuni testimoni che hanno immediatamente dato l'allarme alla polizia stradale.

Nessuno però sa ancora spiegare perché la donna si trovasse a Caronia. La 43enne lunedì mattina era uscita dalla sua abitazione di Venetico dicendo al marito di voler andare a Milazzo per acquistare un paio di scarpe, ma la sua auto è stata trovata a cento chilometri di distanza. A detta dei familiari, Viviana Parisi non avrebbe conoscenti in zona. Abita a Brolo un amico della coppia che ha battezzato il piccolo Gioele, ma l'uomo sta collaborando per le ricerche. Nessun segnale neanche dai genitori che abitano a Torino, in costante contatto con i parenti messinesi. Durante il lockdown, la donna avrebbe voluto raggiungere il capoluogo piemontese in seguito ad una condizione di disagio causata dall'emergenza coronavirus. 

Intanto, proseguono senza sosta le ricerche di vigili del fuoco, protezione civile e carabinieri. Da oggi sono in azione anche i sommozzatori: dovranno infatti essere esplorati due laghetti artificiali che si trovano poco lontano dal punto in cui è stata ritrovata l'Opel della donna. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scomparsa Viviana Parisi, fuga volontaria smentita dal marito: i sommozzatori cercano nei laghetti

MessinaToday è in caricamento