Cronaca

Corteo funebre per Rosario Sparacio, sanzioni anticovid per tutti i partecipanti

Le indagini della Squadra Mobile hanno ricostruito quanto avvenuto il pomeriggio dell'undici aprile, in due attendono provvedimenti penali dell'Autorità giudiziaria

Due persone che adesso attendono i provvedimenti penali dell'Autorità giudiziaria e sanzioni per violazioni alle misure di prevenzione dal Covid-19 a chi ha partecipato al corteo funebre. Hanno portato a questo le indagini della Squadra Mobile sull'assembramento al seguito del feretro di Rosario Sparacio, fratello dell'ex boss e collaboratore di giustizia Luigi, avvenuto l'11 aprile. L'inchiesta ha appurato che: "Nel primo pomeriggio di venerdì 10 aprile 2020, presso la propria abitazione, era deceduto Rosario Sparacio.  Nel pomeriggio del giorno seguente, il feretro era mosso dall’abitazione dove lo stesso era deceduto e un improvvisato corteo funebre si era portato dapprima presso una sala biliardi, per poi proseguire fino alla Chiesa di Santa Maria Consolata, dinanzi la quale si era svolta una breve cerimonia esequiale al cui termine, il feretro, accompagnato da un numero più ristretto di persone, proseguiva fino al Gran Camposanto di via Catania. Il gruppo di accompagnatori non accedeva al cimitero, rimanendo fuori dal cancello dell’ingresso principale".

La Squadra Mobile per individuare i partecipanti si è avvalsa dei filmati registrati dai sistemi di telesorveglianza della zona insieme alle deposizioni delle persone informate dei fatti. Complicato il riconoscimento perché molti dei partecipanti, diciotto in tutto, indossavano mascherine di protezione. 


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corteo funebre per Rosario Sparacio, sanzioni anticovid per tutti i partecipanti

MessinaToday è in caricamento