rotate-mobile
Cronaca Santa Domenica Vittoria

Inquinamento, sigilli al depuratore di Santa Domenica Vittoria: 6 indagati

Il provvedimento del gip di Messina dopo le indagini dei carabinieri. Coinvolti funzionari pubblici. Emersa la compromissione del vicino torrente

Sotto chiave l'impianto di depurazione di Santa Domenica Vittoria. A mettere i sigilli sono stati i carabinieri su mandato del giudice e al termine di numerosi accertamenti. Sono sei gli indagati, tra cui un amministratore e funzionari pubblici. I reati contestati sono "omissione di atti d'ufficio", "inquinamento ambientale colposo", "getto pericoloso di cose", "superamento valori limite previsti per lo scarico di acque reflue urbane, realizzazione di una discarica abusiva di rifiuti speciali non pericolosi' e "scarico di acque rellue industriaili in assenza di autorizzazione".

L'indagine è stata condotta su delega della Procura di Messina, ha eseguito diverse ispezioni dei luoghi, insieme a personale dell'Arpa, nonché acquisizioni documentali, da cui è emersa la compromissione delle acque del torrente Favoscuro, nonché la negligente gestione dell'impianto di depurazione, vetusto e caratterizzato da numerose carenze.

Il depuratore sottoposto a sequestro potrà essere comunque utilizzato sotto il controllo di un custode giudiziario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inquinamento, sigilli al depuratore di Santa Domenica Vittoria: 6 indagati

MessinaToday è in caricamento