Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca

Insulti alla ministra Lamorgese, il sindaco De Luca dovrà pagare 1500 euro

Per quegli insulti, finiti su social e tv, c’era stata l’autorizzazione a procedere per reato di vilipendio. Il sindaco condannato ma non pentito: “Magari lancerò una pubblica sottoscrizione per chi vuole contribuire con un euro a testa”

Multa di 1500 euro per il sindaco Cateno De Luca per il famoso vaffa… alla ministra degli Interni Luciana Lamorgese. I fatti sono quelli del marzo 2020, quando il sindaco protestava sul sistema dei controlli agli imbarcaderi, disposti dal governo.

Per quegli insulti, finiti su social e tv, c’era stata l’autorizzazione a procedere per reato di vilipendio.

“Non ho fatto opposizione perchè mi sono fatto quattro conti – ha detto De Luca – farmi un processo per 1500 euro non era il caso. Tra l’altro il vaffa c’è stato. Certo ci saranno rimasti male tutti coloro che ipotizzavano la mia decadenza… Mi direte lo rifaresti? Sì – ha concluso il sindaco per nulla pentito – io per il mio territorio mi faccio ammazzare. Soprattutto quando devi combattere con l'articolo del combinato disposto, se deve scappare un vaffan.... Poi magari lancerò una pubblica sottoscrizione, chi vuole contribuire con un euro a testa per il vaffa alla Lamorgese”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Insulti alla ministra Lamorgese, il sindaco De Luca dovrà pagare 1500 euro

MessinaToday è in caricamento