Domenica, 25 Luglio 2021

VIDEO | "La solidarietà salverà il mondo", l'appello della figlia di Che Guevara dallo Stretto al mondo intero

Aleida Guevara si trova in Sicilia per un ciclo di conferenze organizzate dall’Associazione nazionale di amicizia Italia-Cuba (Anaic). Questa mattina ha incontrato la cittadinanza alla Batteria Masotto. "Di mio padre resta tutto: il suo messaggio di costruire un uomo nuovo non si è ancora realizzato"

In mano un libro di Andrea Camilleri e negli occhi la voglia di parlare, innanzitutto, ai "compagni". Aleida Guevara, la pediatra cubana figlia del Che,  questa mattina è stata a Messina alla Batteria Masotto dove incontrato i messinesi portando il messaggio di "solidarietà" che unisce i popoli al di là di ogni confine, nel segno dell'ideale di "uomo nuovo" di cui il padre Ernesto continua ancora a farsi portatore post mortem.

L'incontro inserito all'interno di un ciclo di conferenze organizzate dall’Associazione nazionale di amicizia Italia-Cuba (Anaic) ha puntato l'attenzione sul sistema sanitario cubano e su quello italino, in un confronto moderato dall'ex docente di Storia Daniele Pompejano, durante il quale sono interventi anche il sindacalista Paolo Todaro e Ivan Calì segretario dell'Anaic. 

"Cuba può produrre 5 milioni di vaccini ma per effetto dell'embargo non ha le siringhe per iniettarlo", ha esordito Aleida, ribadendo l'importanza che i medici cubani hanno avuto in Italia quando sono arrivati per portare il loro aiuto durante la pandemia. "Il supporto che intercorre fra Italia e Cuba è importante - ha spiegato ancora - Si pensi all'informazione che a Cuba viene manipolata mentre da fuori, grazie al lavoro dell'associazione Italia-Cuba, spiega cosa sta vivendo il popolo cubano. Questa è la migliore forma di solidarietà", ha aggiunto. "Per noi è arrivata dalla Cina e dall'Europa e ci ha consentito a nostra volta di aiutare altre nazioni in difficoltà perché la solidarietà è dividere quello che abbiamo, anche durante la pandemia". 

A spiegare le difficoltà del sistema sanitario nazionale è stato Paolo Todaro. "Siamo davanti allo sfacelo della sanità pubblica in favore di quella privata - ha detto - Ancora non abbiamo posti letto di terapia intensiva e manca il personale. Questo perché la sanità è in mano a una politica che non ascolta e continua per la sua strada". 

La pandemia lascia dietro sè diversi problemi economici, sociali e culturali. "Per il popolo cubano è stato difficilissimo non abbracciarsi e non avere relazioni affettuose", ammette Aleida a MessinaToday. "L'Italia è stata sempre molto solidale con Cuba, ho incontrato persone sempre molto positive durante questi giorni qui", ha aggiunto parlando del suo soggiorno in Sicilia.

"Sin dal 1963 i primi medici sono andati a dare una mano in Algeria e questo continuano a fare nonostante non abbiano molti medici", aggiunge Aleida la cui eredità porta avanti con dignità e determinazione. "Cosa resta di mio padre? Tutto. Lui sperava in un uomo migliore e solidale. Esiste? Evidentemente no. Mio padre è presente nella solidarietà latinoamericana che ancora non si è realizzata quindi il suo messaggio è presente ancora oggi", ha concluso. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

VIDEO | "La solidarietà salverà il mondo", l'appello della figlia di Che Guevara dallo Stretto al mondo intero

MessinaToday è in caricamento