Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca San Piero Patti

Padre e figlio denunciati, vendevano kit di Pronto soccorso di dubbia provenienza

I carabinieri di San Piero Patti hanno fermato i due uomini nel Centro del comune dopo la segnalazione di cittadini, si tratta di due siracusani già noti alle Forze dell'Ordine

vendevano kit di Pronto soccorso di dubbia provenienza. I carabinieri della stazione di San Piero Patti hanno denunciato, in stato di libertà, due uomini, rispettivamente un 55enne e un 35enne, entrambi residenti in provincia di Siracusa e già noti alle forze dell’ordine, ritenuti responsabili, in concorso tra loro, del reato di introduzione nello stato e commercio di prodotti con segni falsi. I militari, su richiesta di cittadini che segnalavano la presenza di due venditori ambulanti, nella mattinata di sabato scorso, sono intervenuti nel Centro, individuando due soggetti mentre proponevano l’acquisto di kit di pronto soccorso ai conducenti delle autovetture in transito e ai passanti in genere. I due indagati, padre e figlio, sono stati trovati in possesso di otto confezioni, aperte e prive dei previsti marchi, contenenti cerotti, garze, fazzoletti e una mascherina monouso, il tutto di dubbia provenienza, proposti in vendita al costo di sette euro. E’ stata quindi individuata l’autovettura in loro uso; la successiva perquisizione veicolare ha permesso ai carabinieri di rinvenire ulteriori ventisette kit, di analoga fattura.

Padre e figlio sono stati denunciati in stato di libertà per introduzione nello stato e commercio di prodotti con segni falsi mentre il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro per i successivi accertamenti. La posizione dei due indagati è al vaglio della procura di Patti. Nei confronti dei due uomini si è proceduto anche alla notifica dell’avvio del procedimento amministrativo previsto per la proposta dell’applicazione della misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Padre e figlio denunciati, vendevano kit di Pronto soccorso di dubbia provenienza

MessinaToday è in caricamento