Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca

"Kulturavirus", dagli spettacoli in streaming alla programmazione dal vivo: il progetto per gli artisti

Una finanziamento messo a disposizione da Palazzo Zanca per far lavorare gli artisti sia durante il periodo di Natale che per la primavera e l'estate del 2021. Le location messe a disposizione e i requisiti preferenziali in attesa del bando

Rimborso spese per gli spettacoli offerti, uso di sale, teatri o location all'aperto, diffusione e promozione via web e tv del palinsesto. Con "Kulturavirus, il contagio che fa bene alla salute" il comune di Messina ha stabilito un pacchetto completo di servizi per la realizzazione e la diffusione dell'intrattenimento, con la finalità di avvicinare il mondo dello spettacolo al pubblico da casa, nel rispetto della normativa anticontagio e per contrastare la crisi del mondo dell'intrattenimento. Il progetto, rivolto alle associazioni di categoria, prevede esibizioni in streaming durante il periodo natalizio e dal vivo per la primavera e dell'estate del 2021. Ieri a dare l'approvazione è stata la giunta, che a breve pubblicherà la manifestazione di interesse rivolta a chi vorrà esibirsi nelle location indicate, tutte ricadenti nel territorio comunale. 

Per gli "spettacoli a tema natalizio, mostre di presepi, celebrazioni di ricorrenze" il comune comparteciperà alle spese e acquisterà lo spettacolo promuovendolo su piattaforme web e tv dall'8 dicembre al 6 gennaio 2021. Fra i requisiti preferenziali c'è l'iscrizione dell'associazione all'Enpals, la sede legale dell'associazione a Messina e l'esibizione di più artisti nello stesso spettacolo. Si potrà scegliere fra chiese cittadine, teatri o sale cinematografiche, strade e piazze (compatibilmente con il divieto di assembramento) o altre location indicate dall'associazione proponente. 

Per gli spettacoli dal vivo con la presenza di pubblico pagante bisognerà comunque attendere la primavera e l'estate del 2021, cioè il periodo che va dal 10 maggio al 10 settembre. Resta salda comunque la necessità di rispettare i limiti imposti dalla normativa eventualmente vigente. In questo caso i beneficiari restano le associazioni e le società attive nel settore dello spettacolo che come requisito preferenziale proporranno un palinsesto che richiami anche il turismo e l'utilizzo complementare di servizi resi da società aventi sede a Messina. Per questo cartellone di spettacoli il comune offrirà la compartecipazione alle spese fino a un massimo del 50% dell totale. Fra le location che si potranno scegliere l'auditorium del PalaCultura e l'arena di Villa Dante. 

Buone notizie anche per le bande musicali cittadine che, se hanno sede legale e attività stabile in città, potranno beneficiare delle somme stanziate per il progetto "Kulturavirus" ricevendo un rimborso spese. I progetti sono finanziati dal "Fondo di sostegno per le iniziative culturali" da 500 mila euro stanziato dall'amministrazione per contrastare l'emergenza

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Kulturavirus", dagli spettacoli in streaming alla programmazione dal vivo: il progetto per gli artisti

MessinaToday è in caricamento