menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Blocco dell'edilizia privata con l'ordinanza De Luca, fumata bianca al tavolo con Ance: previste ulteriori deroghe

Il Comune di Messina rilascerà apposito provvedimento di autorizzazione alla prosecuzione delle attività per i quali non si possa rispettare la sospensione dei lavori senza andare in pregiudizio alla lavorazione stessa o per la necessità di rispettare termini indifferibili derivanti da finanziamenti

Tavolo tecnico al Comune di Messina per pianificare una maggiore elasticità rispetto al blocco degli interventi di edilizia privata legati all'ordinanza del sindaco. All'incontro, convocato dal Comune di Messina su richiesta dell’Ance Messina, erano presenti gli assessori Dafne Musolino (delega Covid), Salvatore Mondello ai Lavori Pubblici, Massimiliano Minutoli alla Protezione Civile e Francesco Caminiti alla Pianificazione ed Efficientamento delle Risorse Idriche ed Energetiche.

Nel corso del confronto, definito “ampio, articolato e costruttivo” con il presidente provinciale Ance Ricciardello, il vicepresidente Lupò; il direttore Mangiapane dei componenti il Gruppo Costruttori Franza, Bonfiglio e Alberti l’Amministrazione ha ribadito che nell’Ordinanza n. 18 del 2021 comma 4, è stata già prevista la facoltà di operare in deroga alla disposta sospensione (che ha efficacia fino al 29 gennaio 2021) per l’esecuzione di tutte quelle attività di edilizia privata che presentino il carattere dell’urgenza o dell’indifferibilità o che, ancora, debbano essere realizzate in esecuzione di un provvedimento dell’Autorità Giudiziaria o Amministrativa.

Oltre a tale facoltà, le parti hanno convenuto che nei casi in cui ricorrano particolari motivi per i quali non si possa rispettare la sospensione dei lavori senza andare in pregiudizio alla lavorazione stessa o per la necessità di rispettare termini indifferibili derivanti da finanziamenti europei o nazionali o regionali, il Comune di Messina rilascerà apposito provvedimento di autorizzazione alla prosecuzione delle attività, in deroga a quanto disposto.

Per la richiesta di deroga dovrà essere trasmessa una domanda alla mail dedicata
bastacovid@comune.messina.it indicando nell’oggetto: Edilizia-istanza deroga.
Nell’istanza, oltre alla motivazione della richiesta di deroga, dovranno essere indicati i seguenti elementi:
– la località dove ha sede il cantiere,
– il provvedimento autorizzativo dell’opera,
– il nominativo del Direttore dei Lavori.

Inoltre è necessario allegare il Piano di Sicurezza anti Covid, redatto secondo le Linee Guida dell’Allegato Protocollo n. 13 del DPCM 14 gennaio 2021.
Infine, la domanda dovrà essere trasmessa anche all’Ispettorato del Lavoro per i profili di competenza.
Il Comune valuterà le istanze presentate e, ricorrendo i presupposti, autorizzerà la continuazione dell’attività che potrà svolgersi nella fascia oraria dalle ore 7 alle 13.
L’incontro si è concluso con la reciproca soddisfazione delle parti per avere individuato una soluzione che, pur nel rispetto della iniziativa economica privata, ha confermato la condivisione della scelta dell’Amministrazione di anteporre la tutela della salute pubblica ad ogni altra legittima richiesta, nella consapevolezza che l’attuale sacrificio si impone quale misura necessaria per contrastare efficacemente il contagio da Covid-19, che ha consacrato la città di Messina come la città con il tasso di incidenza del contagio più alto d’Italia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Divano, come scegliere quello giusto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento