Mercoledì, 17 Luglio 2024
Cronaca

I lavori infiniti sul viadotto Ritiro, la scadenza è fine febbraio ma Gioveni chiama in Aula i responsabili

Imminente una seduta in commissione Viabilità con Cas e Toto Costruzioni. Chiesta certezza sui tempi

Potrebbe finire in consiglio comunale l'annosa vicenda dei lavori sul viadotto Ritiro. Il consigliere Libero Gioveni ha infatti chiesto la convocazione in commissione Viabilità dei vertici di Consorzio Autostrade e Toto Costruzioni. L'obiettivo del capogruppo di Fratelli d'Italia è di far luce sulle tempistiche e avere risposte certe su quando il cantiere potrà dirsi finalmente completato. "

Siamo giunti ad un punto in cui è assolutamente necessario conoscere i tempi di ultimazione di una infrastruttura che ormai è diventato l'incubo dei messinesi e dei residenti dell'intera provincia - afferma Gioveni. Anche se l'estate non sembra essere proprio alle porte - prosegue il consigliere - ma in considerazione dello stop dei mesi delle maestranze causato dal mancato pagamento degli stipendi, la città (e quindi il Consiglio Comunale) ha tutto il diritto di conoscere lo stato dell'arte e le reali tempistiche per il definitivo completamento del viadotto. Peraltro - insiste Gioveni - mi preoccupa non poco la notevole diminuzione degli operai, così come, pur volendo essere ottimista sulle previsioni date prima di Natale di chiusura del cantiere al 28 febbraio, questa data presunta di fine lavori non credo possa essere rispettata. Avendo quindi già avuto rassicurazioni dal presidente dalla competente Commissione consiliare Salvatore Papa sulla convocazione della seduta - conclude Gioveni - sono certo che il focus che faremo in Aula su questo mega appalto del Cas ci potrà dare comunque certezze sulle tempistiche, che mi auguro, a beneficio della pazienza di tutti i Messinesi, possano definirsi almeno prima dell'estate".

E a proposito di tempistiche, i giorni segnati in rosso sul calendario sono quelli di fine febbraio. Questa l'ultima scadenza concordata con Toto Costruzioni. La società abruzzese dichiara di aver saldato le spettanze (due mensilità arretrate) agli operai e che il cantiere sta proseguendo. Toto Costruzioni dovrà poi incassare i 2 milioni e 300mila euro che avanza dallo stesso Consorzio Autostrade. Ma l'ottimismo sulle possibilità che la nuova scadenza venga rispettata di certo non è ai massimi livelli. Da considerare anche il tempo necessario a collaudare l'imponente opera con il rischio di passare l'ennesima estate di disagi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I lavori infiniti sul viadotto Ritiro, la scadenza è fine febbraio ma Gioveni chiama in Aula i responsabili
MessinaToday è in caricamento