Mercoledì, 17 Luglio 2024
Cronaca

A Messina la prima convenzione per favorire l'inclusione a lavoro dei ragazzi autistici

L'accordo tra Irib Cnr e Fipe Confcommercio per promuovere azioni di inclusione nel mondo del lavoro per ragazzi autistici supportati da innovative tecnologie Internet of Things (IoT)

Favorire l’inclusione dei ragazzi autistici nel mondo del lavoro, sostenere la commercializzazione dei prodotti creati da loro, predisporre la creazione di ambienti ‘Autism Friendly’, in centinaia di locali, bar, ristoranti, cinema, negozi e supermercati. Sono questi gli obiettivi della prima convenzione nazionale firmata tra e Irib Cnr Messina, (Istituto nazionale per la Ricerca e l’innovazione Biomedica) Fipe Confcommercio Messina (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) per sviluppare, prima nella città dello Stretto, e poi nel resto del Paese, delle azioni di inclusione sociale per i giovani affetti dalla sindrome autistica.

La conferenza stampa di presentazione sarà il prossimo martedì 17 ottobre alle 10 al comune di Messina e non al Salotto Fellini di piazza Duomo come precedentemente indicato dagli organizzatori. Saranno presenti il direttore nazionale Fipe Roberto Calugim, il presidente provinciale di Fipe Confcommercio Messina Carmelo Picciotto, il responsabile Irib Cnr Messina Giovanni Pioggia, la ricercatrice e psicologa dell’Irib Cnr di Messina Flavia Marino, Carmelo Caporlingua responsabile cooperativa sociale ‘Audacia’ e del laboratorio creativo ‘Sogni in Blu’. 

“Si tenterà - spiega Giovanni Pioggia - di realizzare ed implementare il modello “Messina Città Speciale”, un esempio di ‘Community Care Autism Friendly finalizzato ad educare la comunità all’inclusione delle persone con autismo.  L’Irib Cnr di Messina da anni, grazie anche al Progetto ‘Interpares’, è diventato punto di riferimento in Italia per la ricerca sui ragazzi con condizione autistica. Un progetto che assiste i ragazzi fino al momento dell’inserimento lavorativo. Ha dunque creato delle nuove tecnologie per il sostegno anche sul posto di lavoro a questi ragazzi con “autismo ad alto funzionamento”, quindi che non presentano disabilità intellettiva e che riescono a raggiungere un buon livello di autonomie personali nella vita quotidiana. Difatti, i ragazzi potranno lavorare all’interno di negozi, ed esercenti dopo un percorso di formazione grazie all’ausilio di un’applicazione che li guiderà realizzata con tecnologie Internet of Things. Grazie all’IoT è possibile una comunicazione trasparente tra persone, processi e cose. Mediante l'elaborazione a basso costo, il cloud, i Big Data, gli analytics e le tecnologie mobile, si possono raccogliere i dati con un intervento umano minimo. In questo mondo iperconnesso, i sistemi digitali possono registrare, monitorare e regolare ogni interazione. Il mondo fisico dunque incontra e coopera con il mondo digitale e può essere un ottimo supporto”.

“I locali aderenti alla Fipe – sottolinea Carmelo Picciotto - non dovranno pagare nulla perché i ragazzi saranno retribuiti con borse di studio. Saranno quindi collocati dei Qr Code collocati nei negozi e nei locali che aderiranno all’iniziativa. Questi Qr Code potranno essere scansionati a questa App installata su un cellulare o un tablet in dotazione ai giovani autistici. Potrà  dare consigli ai ragazzi su come agire sul posto di lavoro, quali mansioni espletare, riconoscere oggetti e dare  indicazioni personalizzate e riservate per ogni singolo giovane. In pratica dopo un periodo di formazione dei ragazzi autistici e dei gestori dei locali che aderiscono a Fipe Confcommercio e che aderiranno all’iniziativa, verranno posizionati questi QR Code su alcuni dispositivi previsti nel progetto ‘Interpares’ (Inclusione, Tecnologie e Rete: fra Ricerca, E- Health e Sociale), che ha, tra i molteplici obiettivi,  anche quello di supportare, per la prima volta in Italia, i ragazzi con condizione autistica, attraverso l'ausilio di dispositivi smart di tele-assistenza basati. Tutti i giovani infatti, grazie a questo tipo di tecnologia con realtà aumentata e virtuale, ideata e programmata dall’Irib Cnr di Messina, riusciranno a riconoscere oggetti e situazioni e ad interagire di conseguenza, per una migliore possibilità di inclusione nel mondo del lavoro”.

Altra interessante novità prevista nella convenzione grazie ad appositi corsi per i commercianti realizzati dall’Irib Cnr di Messina, è quello di creare locali, supermercati o negozi dove i ragazzi autistici troveranno, indipendentemente se ci lavoreranno o meno, ambienti atti a favorire una loro completa integrazione. Gli esercenti potranno così accogliere tutte le persone autistiche e le loro famiglie perché a questo punto avranno tutte le conoscenze e le competenze per poter gestire persone con queste problematiche, con luoghi all’avanguardia perché sempre più inclusivi dal punto di vista sociale”. Saranno realizzati pure percorsi di sperimentazione di vacanze sollievo “Holiday Angel” per gli autistici e delle loro famiglie, tramite attivazione di tirocini dei giovani nei servizi di accoglienza in strutture extra-alberghiere e case Vacanza. I tirocini saranno finalizzati a promuovere, cosa non semplice, vacanze per i ragazzi e le loro famiglie e allo stesso tempo l’inserimento lavorativo dei ragazzi autistici in attività ausiliarie, quali sanificazione dei locali, cambio letti, predisposizione della struttura all’accoglienza ed altre.

“Grazie alla convenzione, infine, - concludono Pioggia e Picciotto - sarà realizzata una piattaforma di e-commerce di prodotti realizzata da giovani autistici con l’idea della micro-impresa sociale, in modo da poter commercializzare i prodotti realizzati dai ragazzi autistici.  Inoltre, dopo l’accordo con la Fipe Confcommercio, tutti i negozi e i locali che aderiranno all’iniziativa in tutta Italia, grazie anche ad un’efficiente rete di vendita, potranno vendere più facilmente gli oggetti realizzati dai giovani autistici come alcuni prodotti in ceramica”.

Articolo modificato alle 11.50 del 16 ottobre // è cambiata la location dell'incontro

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Messina la prima convenzione per favorire l'inclusione a lavoro dei ragazzi autistici
MessinaToday è in caricamento