rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023
Cronaca

Al Policlinico venti infermieri precari senza rinnovo

L'allarme lanciato dal sindacato Nursind: "Possibili gravissimi disagi nell’assistenza ai pazienti"

Clima caldo al Policlinico. Così come denunciato in una nota da Nursind, una ventina di infermieri sono in scadenza di contratto.  "Dal primo ottobre l’ospedale potrebbe registrare un ulteriore vuoto in organico con gravissimi disagi nell’assistenza ai pazienti. Lo denuncia il Nursind di Messina che lancia un appello alle istituzioni e ai vertici dell’azienda ospedaliera auspicando un rapido intervento per scongiurare il pericolo. Mentre le ultime disposizioni come le bolle covid e i nuovi reparti richiedono un aumento del personale - spiega il referente aziendale Massimo Latella - e mentre si attende la prossima apertura della Terapia intensiva e del pronto soccorso, registriamo al contrario una riduzione del personale. A fine settembre scadono i contratti di più di venti infermieri ma non c’è traccia di rinnovo”. Il Nursind nonostante le rassicurazioni ricevute teme inoltre che a farne le spese siano anche gli Oss, su cui chiede di tenere alta l’attenzione. Ivan Alonge, segretario territoriale Nursind, spiega che “mai si era vista una tale lentezza burocratica. Assistiamo a continui richiami del personale con ordini di servizio che servono a tamponare le gravi carenze di organico. Ci sono operatori sanitari costretti a cambiare anche quattro Unità operative nell'arco di 2 mesi, che non sanno da un giorno all’altro dove presteranno servizio, è assurdo”.

Il Nursind annuncia battaglie in tutte le sedi "a tutela dei posti di lavoro minacciati da una superficialità veramente deprimente. Chiediamo al commissario e alla Regione la definitiva proroga di tutti i contratti con scadenza a settembre al 31 dicembre 2022. E non ultimo avviare e concludere tutte le procedure per la stabilizzazione di tutti gli aventi diritto”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Policlinico venti infermieri precari senza rinnovo

MessinaToday è in caricamento