rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca

"La scuola messa all'angolo e noi dirigenti ignorati", lo sfogo di tredici presidi

Lettera aperta alla cittadinanza che comincia come una favola ma racconta l'incubo di chi vive l'emergenza e il caos di ordinanze senza essere interpellati. "Siamo impotenti testimoni del disorientamento e del malessere che serpeggia tra i giovani, le famiglie e gli operatori"

Ignorati dalla politica, fuori dai tavoli in cui si decide il destino della scuola ma addosso tutto il peso e le responsabilità in un momento difficile, segnato dall'emergenza covid ma anche da carenze strutturali ataviche. Sono i presidi, dirigenza scolastica che è anche classe dirigente del Paese e che dovrebbe avere lo stesso peso delle altre e che invece si sente sempre più messa all'angolo e umiliata.

Lo spiegano tredici dirigenti scolasdtici che hanno affidato il loro malessere ad una lettera aperta alla cittadinanza. Una lettera che comincia come una favola ma racconta l'incubo di chi affronta una emergenza senza nessuno che li coinvolga nelle decisioni che riguardano il settore.

Ecco la lettera e le sottoscrizioni

C’era una volta…

C’era una volta la Scuola. Era un bel luogo, tangibile e reale, intellettuale, vivace e creativo, nel quale i giovani si formavano, socializzavano, interagivano con gli adulti, crescevano, avendo punti di riferimento sani e granitici.

Poi, un giorno di un marzo caldo e luminoso, arrivò un mostro, microscopico ma micidiale, chiamato Covid, che sconvolse tutti gli equilibri, trasformò la Scuola in una landa desolata, nella quale studenti, famiglie, docenti e presidi brancolavano al buio, nella spasmodica ricerca di quella normalità che non esisteva più.

Ed ecco che alla stabilità subentrò il Caos, il quale, sotto mentite spoglie, cominciò a riprodursi voracemente, nutrendosi di norme, decreti, protocolli di sicurezza, DAD, DDI, sentenze dei Tribunali, diffide, Comitati DAD No, Comitati DAD Sì, Comitati scuola in presenza No, Comitati scuola in presenza Sì, che puntualmente gli venivano offerti in dono, per tenerselo buono.

Insomma un vero delirio nel quale, ogni giorno , chiunque ritenesse di averne titolo in relazione al proprio ruolo istituzionale, si peritava di sentenziare, disporre, ordinare, ricorrere, annullare, riproporre, dimentichi del fatto che, forse, si sarebbero potuti avvalere dell’esperienza di strani personaggi che la Scuola la conoscono davvero, perché ci hanno lavorato, e continuano a farlo ogni giorno, sfidando il mostriciattolo Covid, per arginarlo e difendere i ragazzi che le famiglie hanno loro affidato.

Questi strani e misteriosi soggetti, prima, si chiamavano Presidi ed erano rispettati nel loro ruolo di organizzatori delle attività scolastiche, responsabili dell’apprendimento degli studenti, trait d’union tra le famiglie e la scuola, interfaccia tra l’istituzione scolastica e le altre istituzioni, pubbliche e private.

Questi ingenui personaggi, forgiati dallo studio e soprattutto dai tanti anni di esperienza nel campo dell’istruzione, che ancora credono in una scuola che sia ambiente formativo a disposizione dei giovani, divengono invisibili, delegittimati nel loro ruolo di formatori delle nuove generazioni

Da un giorno all’altro, diventano oggetto di dileggio, umiliati, derisi e descritti come nullafacenti, incompetenti, irresponsabili, ignoranti di legge, e chi più ne ha, più ne metta.

Il piatto è servito. Il mostro trasforma nuovamente la Scuola in altro, in una poco divertente giostra di disposizioni e di interpretazione di norme.

Di fronte a tale stato di incertezza, i Presidi, impotenti testimoni del disorientamento e del malessere che serpeggia tra i giovani, le famiglie e gli operatori della scuola (docenti, Ata, ecc.) cercano di avvertire dello sfacelo a cui si sta andando incontro e della destabilizzazione di assetti fondati, prevalentemente, sulla fiducia che i giovani nutrivano nei confronti delle istituzioni, quelle con la I maiuscola.

Essi chiedono, a più riprese, che le decisioni che vengono assunte nell’interesse della scuola e dei giovani, non volino alte sulle loro teste, ma siano frutto di interlocuzione, scambio, confronto, sinergia.

E’ ovvio che i Presidi non hanno in tasca la soluzione a tutti i problemi, ma, con le proprie competenze ed esperienze, che gli derivano dall’aver lavorato fianco a fianco con gli studenti, le loro famiglie,  ed i loro docenti, instancabilmente e con passione, possono contribuire a ritrovare la rotta che porta alla strada della Scuola , al fine di ritornare a quella normalità che gli studenti ricercano, per uscire  dal tunnel della paura, dello smarrimento, del dolore che il Covid ha loro causato.

La paura del mostro Covid, annidatosi nella Scuola, condizionando tutte le scelte che le ruotano attorno, si combatte riportando al centro di ogni decisione lo studente, in una visione olistica che, oltre al corpo, curi l’animo, ridandogli serenità, sicurezza e stabilità.

E’ soltanto questo che, nell’esclusivo interesse della Scuola e, quindi, al di fuori di qualunque schieramento politico, sommessamente, i Presidi avrebbero consigliato ai decisori politici, se questi ultimi avessero dedicato un minuto del loro prezioso tempo, per ascoltarli.

I Presidi

Leonardi L.                  Liceo Seguenza
Marano   E.                  I.C. Mazzini- Gallo
D’Amico M.C             I.C Villa Lina- Ritiro
Tringali   L.                 I.I.S. Antonello
Di Prima S.                 I.I.S. Verona Trento
Maiuri  D.                   I.C. Mazzini
La Tona P.                  I.I.S. Minutoli
Quattrocchi C.             I.C. Manzoni-Dina e Clarenza
Celesti  C.                   Liceo La Farina- Basile
Galvagno G.               CPIA
Longo S.                     I.C. Verona Trento
Ruggeri V.                  I.C. Enzo Drago
Pistorino D.                I.C. Giovanni XXIII

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La scuola messa all'angolo e noi dirigenti ignorati", lo sfogo di tredici presidi

MessinaToday è in caricamento