rotate-mobile
Venerdì, 1 Marzo 2024
Cronaca

Lettera degli studenti alla rettrice: "Le scriviamo per un percorso universitario accessibile"

Trasmessa da ragazzi e ragazze una lunga nota al nuovo vertice dell'Ateneo con una serie di richieste

L'Udu, l'Unione degli studenti, e rappresentanti degli universitari, scrivono una lettera aperta alla rettrice Giovanna Spatari: 

"Siamo studenti e studentesse dell’Università degli Studi di Messina. Abbiamo assistito alla campagna elettorale e alle votazioni che l’hanno vista vincitrice e, quindi, a capo dell’Ateneo per il sessennio 2023-2029, votazioni in cui tuttavia il voto della comunità studentesca è stato sostanzialmente irrilevante.  Abbiamo ascoltato le parole del suo insediamento senza pregiudizi, e abbiamo deciso di scriverle questa lettera per augurarle e augurarci un 2024 in cui chi sceglie di studiare nella nostra Università possa vedere garantite le fondamenta di un percorso universitario accessibile ed equo. Le scriviamo questa lettera a inizio mandato per sollecitare la sua azione su una questione che dovrà essere centrale d’ora in poi nella nostra università: il diritto allo studio universitario.

Riprendiamo le sue stesse parole “esistiamo e lavoriamo perché ci sono gli studenti“ e ancora “lotterò per garantire loro una Università sempre più moderna e al passo coi tempi, affinché non debbano più prendere treni o aerei per studiare in altre sedi…”. Anche noi crediamo che bisognerà garantire questo e molto altro, crediamo che queste parole debbano trovare un riscontro concreto durante il Suo mandato poiché il nostro modello di università ancora oggi non è accessibile a tutti. Lo dimostrano i circa 3.000 studenti che abbandonano gli studi nel nostro Ateneo. Nel 2023 abbiamo protestato con le tende per ricordare all’Ateneo e alla politica che la situazione delle residenze universitarie pubbliche è inaccettabile. Crediamo in una gestione diversa da quella che abbiamo visto sin qui, nel merito e nel metodo. Abbiamo già espresso pubblicamente le criticità che riguardano la gestione del nuovo Hotel Liberty, con tariffe non degne di un sistema pubblico di Diritto allo Studio, ma le chiediamo di più: serve un tavolo di confronto permanente con i sindacati e le associazioni per chiarire con trasparenza i dubbi che riguardano tutti i nuovi posti letto in arrivo, finanziati prevalentemente con fondi PNRR, che non possiamo permetterci di sprecare".

Nella missiva di parla anche del “Fondo integrativo statale” che prevede a partire già dal 2024 un taglio di 35 milioni di euro, mettendo in pericolo l’assegnazione di migliaia di borse di studio.

"È drammatica - si legge - inoltre la visione sui prossimi anni, il finanziamento per le borse di studio prevede nel 2026 un taglio di 250 milioni di euro che ci porterà indietro nel tempo, a una situazione precedente al PNRR.  Nel passato la leadership del nostro Ateneo è stata protagonista delle politiche universitarie a livello nazionale, assecondando, però, questo governo, non preoccupandosi mai di difendere i diritti dei propri studenti. Abbiamo bisogno di un’inversione di rotta. Crediamo che studenti, docenti e Università debbano lottare insieme per l’abolizione della figura degli idonei non beneficiari di borsa di studio.  Serve inoltre un’ampia riflessione, che preveda un confronto aperto e democratico sulla didattica e l’offerta formativa della nostra Università. Dobbiamo superare un modello di insegnamento esclusivamente frontale, facendo camminare il nostro Ateneo al passo coi tempi ed in linea con le trasformazioni sociali. Chiediamo un impegno per una didattica innovativa, di qualità, che sappia valorizzare al meglio gli strumenti digitali e tecnologici (videoregistrazioni, team projects, workshop, simulazioni, laboratori, esercitazioni, materiale didattico ecc.).". 

La nota è stata firmata da

Damiano Di Giovanni, coordinatore Udu Messina


Il Responsabile dell’Organizzazione, rappresentante del COSPECS, Federico Ferrara


Membro dell’esecutivo UDU Messina, Emanuele Carlo


Membro dell’esecutivo UDU Messina, Sarah Naccari


Rappresentante degli studenti del COSPECS e del DAMS, Mariapia Sdanghi


Rappresentante degli studenti del COSPECS e del DAMS, Ettore Liotta


Rappresentante degli studenti di SCIPOG, Giulia Gemelli


Rappresentante degli studenti del DICAM e di Lingue, Mariafrancesca Pellizzeri


Rappresentante degli studenti di Filosofia, Anna Ricevuto


Rappresentante degli studenti di Consulente del lavoro, Antonino Carbonaro


Rappresentante degli studenti di Giurisprudenza, Alessandro Zaccone


Rappresentante degli studenti di Ingegneria, Francesco Ciriaco


Rappresentante degli studenti di Civil engineering, Iman Zamanpour 


Rappresentante degli studenti di SNAF, Alice Distefano


Rappresentante degli studenti del MIFT, Giorgia Calì


Rappresentante degli studenti di Fisica, Alice Anastasi


Rappresentante degli studenti di Fisica, Alessia Micali


Rappresentante degli studenti di Fisica, Arianna Falzea

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lettera degli studenti alla rettrice: "Le scriviamo per un percorso universitario accessibile"

MessinaToday è in caricamento